Nuovi interpreti per la versione storica del 1913 di "Aida" all'Arena di Verona

Sabato 3 agosto nuovi interpreti salgono sul palcoscenico areniano per Aida di Giuseppe Verdi: un cast internazionale con attesi ritorni e debutti tra cui Siri, Muehle, Urmana, Mimica e Chuluunbaatar nello storico allestimento di Gianfranco de Bosio ispirato alla prima serata d’opera in Arena nel 1913. Torna sul podio il direttore Francesco Ivan Ciampa.

Repliche: 9, 18, 25, 28, 31 agosto ore 20:45 - 3, 7 settembre ore 20:45

Plácido Domingo in questi giorni festeggia i 50 anni dal proprio debutto all’Arena e in Italia: dopo aver diretto la recita domenicale del capolavoro verdiano, ricede la bacchetta di Aida al maestro Francesco Ivan Ciampa, forte dei consensi ottenuti nelle ultime settimane a Verona e a Macerata, e qui di nuovo alla guida dell’Orchestra dell’Arena di Verona e del Coro preparato da Vito Lombardi. Per la recita di sabato, la numero 708 dalla prima storica notte del 10 agosto 1913, Aida si conferma regina dell’Arena di Verona non solo per numeri ma per qualità degli interpreti, di provenienza e caratura internazionale, che si alternano nei panni degli eroi verdiani.

È la volta infatti di Maria José Siri, celebre soprano che torna all’amata Aida dopo svariati successi in ruoli pucciniani alla Scala di Milano, a Genova e a Berlino. Con lei debutta nei panni del valoroso Radamés il tenore Martin Muehle, appena applaudito in Carmen in recenti serate del Festival areniano. Si conferma come Amneris Violeta Urmana, fuoriclasse dei ruoli mediosopranili verdiani mentre è un debutto assoluto all’Arena di Verona quello del giovanissimo baritono Badral Chuluunbaatar, originario della Mongolia e qui impegnato come Amonasro, condottiero etiope e padre di Aida. I bassi Marko Mimica e Krzysztof Bączyk tornano ad interpretare rispettivamente il gran sacerdote Ramfis e il Re degli Egizi, mentre si confermano il Messaggero del tenore Francesco Pittari e la Sacerdotessa di Yao Bo Hui.

Lo spettacolo classico ed imponente segue la regia di Gianfranco de Bosio mentre la veste scenografica ed i costumi sono ispirati ai bozzetti storici di Ettore Fagiuoli per la prima rappresentazione del 1913. Le luci sono di Paolo Mazzon e le coreografie di Susanna Egri, che impegnano il Ballo coordinato da Gaetano Petrosino con i primi ballerini Petra Conti (alla sua ultima Aida per il Festival 2019), Mick Zeni e Alessandro Macario.

Informazioni e contatti

Prezzi: da 22,50 a 208 euro.

Informazioni e biglietti: www.arena.it e sui canali social Facebook, Twitter, Instagram e YouTube.

Biglietteria – Via Dietro Anfiteatro 6/B, 37121 Verona

tel. (+39) 045 59.65.17 – fax (+39) 045 801.3287 - email biglietteria@arenadiverona.it

Call center (+39) 045 800.51.51 - www.arena.it - Punti di prevendita Geticket

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Il "Vita ce n'è world tour" di Eros Ramazzotti fa tappa in Arena per tre imperdibili concerti

    • dal 11 settembre al 14 dicembre 2019
    • Arena di Verona
  • Sinfonico De Gregori, live in Arena accompagnato da band e orchestra

    • 20 settembre 2019
    • Arena di Verona
  • Il Volo live in Arena per un concerto imperdibile

    • 24 settembre 2019
    • Arena di Verona

I più visti

  • Romeo&Juliet experience: visita guidata alla mostra

    • dal 2 gennaio al 16 dicembre 2019
    • Centro Storico di Verona
  • Il parco di Villa Buri diventa museo a cielo aperto con l'Accademia di Belle Arti

    • Gratis
    • dal 23 giugno al 28 settembre 2019
    • Villa Buri
  • Il "Vita ce n'è world tour" di Eros Ramazzotti fa tappa in Arena per tre imperdibili concerti

    • dal 11 settembre al 14 dicembre 2019
    • Arena di Verona
  • Hai preso "30" in un esame universitario? Porta il libretto da Zushi e avrai uno sconto

    • dal 2 aprile al 31 dicembre 2019
    • Zushi
Torna su
VeronaSera è in caricamento