Aida torna in scena all'Arena di Verona nell'edizione storica del 1913

Venerdì 28 luglio alle ore 21.00 Aida di Giuseppe Verdi torna sul palcoscenico dell’Arena di Verona per il 95° Opera Festival 2017, nell’edizione storica ispirata alla prima messa in scena del 1913 che ha dato vita al Festival lirico. L’opera è in scena per 9 serate fino al 27 agosto, come da tradizione a conclusione del Festival, nell’allestimento curato dal regista Gianfranco de Bosio e arricchito dalle coreografie di Susanna Egri; sul podio, a dirigere un cast internazionale, vediamo alternarsi due apprezzati direttori noti al pubblico areniano: Andrea Battistoni (28/7 – 3, 6, 8, 13, 16, 20/8) e Julian Kovatchev (24, 27/8).

Il titolo vede impegnati l’Orchestra, il Coro preparato da Vito Lombardi, il Corpo di ballo coordinato da Gaetano Petrosino ed i Tecnici dell’Arena di Verona, insieme a un gran numero di corifee e figuranti.

Repliche: 3, 6, 8, 13, 16, 20, 24, 27 agosto, ore 20.45

Il titolo, che dal suo esordio nel 1913 sul palcoscenico areniano conta ormai oltre 670 recite, è l’opera simbolo dell’Arena di Verona: dopo aver strizzato l’occhio alla modernità, Aida ora va in scena nella produzione che più fa riferimento alla tradizione ed è stata applaudita da milioni di spettatori in ben 20 stagioni. Realizzato da Gianfranco de Bosio nel 1982 grazie allo studio dei bozzetti per le scene originali di Ettore Fagiuoli, l’allestimento trasforma l’anfiteatro nell’Egitto dell’immaginario collettivo, con obelischi, palme, templi e sfingi, in mezzo ai quali si dipana la vicenda senza tempo tra la bella schiava etiope che dà il nome all’opera e il valoroso guerriero egizio Radamès. Un successo che da 104 anni crea sul palcoscenico più grande del mondo una magia immortale ricca di esoticità, grazie all’alchimia tra la musica di Giuseppe Verdi e il libretto di Antonio Ghislanzoni che ancora oggi sa coinvolgere lo spettatore con i grandi temi dell’umanità: amore, fedeltà alla patria, onore, morte e redenzione.

A completamento della messa in scena, le coreografie di Susanna Egri create ex novo nel 1982, dal momento che di queste non restava alcuna nota storica dal 1913. Grazie ad uno studio assiduo e a ricerche accurate durate un anno intero, ne è derivato un lavoro coreografico minuzioso che suggerisce il gusto ottocentesco del contesto compositivo dell’opera e, nel contempo, pone l’accento sull’innovazione che il balletto ha vissuto agli inizi del Novecento, sfruttando sapientemente le notevoli dimensioni del palcoscenico areniano.

In scena per il Festival lirico 2017 vediamo alternarsi voci nuove per l’Arena e applauditi interpreti che già diverse volte hanno affrontato il teatro all’aperto. Sotto la direzione musicale di Andrea Battistoni e, per due serate, di Julian Kovatchev, nel ruolo del titolo vediamo il ritorno di Monica Zanettin (28/7 – 3/8), Hui He (6, 24, 27/8) e Maria José Siri (16, 20/8), mentre fa il suo debutto in Arena Cellia Costea (8, 13/8); nella rivale Amneris troviamo per la prima volta sul palco dell’anfiteatro Olesya Petrova (28/7 – 3, 6/8), cui fanno seguito le apprezzate Marianne Cornetti (8, 13/8), Giovanna Casolla (16, 20, 24/8) e Anastasia Boldyreva (27/8). Come Radamès debuttano in Arena Gaston Rivero (28/7 – 3/8) e Hovhannes Ayvazyan (6, 8, 13, 24, 27/8), a cui si alterna Walter Fraccaro (16, 20/8), accanto all’Amonasro di Ambrogio Maestri (28/7 – 3, 6/8) e Carlos Almaguer (8, 13, 16, 20, 24, 27/8).

Completano il cast: Il Re di Ugo Guagliardo (28/7 – 3, 6, 20, 24, 27/8) e George Andguladze (8, 13, 16/8) alla loro prima areniana; Ramfis di Rafał Siwek (28/7 – 3, 6, 13, 20/8) e Deyan Vatchkov (8, 16, 24, 27/8); Un messaggero di Paolo Antognetti (28/7 – 3, 6, 8, 13, 16/8) e Antonello Ceron (20, 24, 27/8), e la voce della Sacerdotessa di Marina Ogii (28/7 – 3, 6/8), Tamta Tarieli (8, 13, 16/8) ed Elena Borin (20, 24, 27/8).

Nel ruolo danzato della Sacerdotessa nel I atto e della Schiava nella celebre scena del Trionfo del II atto vedremo alternarsi le prime ballerine Petra Conti ed Alessia Gelmetti, accanto ai primi ballerini Davit Galstyan, Alberto Ballester (28/7 - 3, 6, 8, 13, 16, 27/8) ed Alessandro Staiano (20, 24/8).

Informazioni

Biglietteria – Via Dietro Anfiteatro 6/B, 37121 Verona

tel. (+39) 045 59.65.17 – fax (+39) 045 801.3287 - email biglietteria@arenadiverona.it

Call center (+39) 045 800.51.51 - www.arena.it - Punti di prevendita Geticket

Prezzi: da € 19,00 a 204,00

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Filò virtuale da Velo Veronese con "La leggenda di Lessinia e Montebaldo"

    • Gratis
    • 4 aprile 2020
    • Online
  • Le "Favole al telefono" di Gianni Rodari…al telefono!

    • Gratis
    • dal 21 marzo al 21 maggio 2020
    • Al telefono
  • I sonetti di Shakespeare prima in podcast e poi protagonisti dell'Estate Teatrale Veronese

    • Gratis
    • dal 30 marzo al 30 aprile 2020
    • Online

I più visti

  • Coronavirus, palestra veronese promuove gli allenamenti via WhatsApp 

    • Gratis
    • dal 1 al 30 aprile 2020
    • Online
  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • "Puglia in festa" a Legnago: prelibatezze e musica per il festival della cucina pugliese

    • Gratis
    • dal 24 al 26 aprile 2020
    • Piazza Garibaldi
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento