Verona, gli appelli non bastano: aumentano le bollette dell'acqua. Tariffe salgono tra il 3,1 e il 6,5%

L'Autorità di Bacino: "Speriamo che la fiducia dei sindaci sia stata ben riposta e che Acque Veronesi migliori le sue performance negli investimenti da realizzare, abbondantemente al di sotto di quanto promesso"

Foto web

Nulla da fare per l'appello a "non votare". I presenti hanno votato e il provvedimento è passato. L’assemblea dei sindaci che compongono il Consiglio di Bacino veronese, l’ente che governa il servizio idrico integrato in tutto il territorio veronese, ha fatto passare la delibera con le nuove tariffe (aumentate) per la quasi totalità dei comuni della provincia. Sette erano i punti all’ordine del giorno da discutere e da votare, tra cui la determinazione tariffaria per il prossimo biennio (2014 e 2015) delle due società di gestione Acque Veronesi e Gardesana Servizi. Il numero legale per procedere alla votazione è stato raggiunto in breve tempo, con 44 sindaci su 97 presenti (o loro delegati), per un totale di 551mila abitanti rappresentati.

Con 4 astenuti (Badia Calavena, Illasi, Lazise e Malcesine) e sette contrari (Bovolone, Buttapietra, Castel d’Azzano, Cerea, Gazzo Veronese, Nogara e San Pietro di Morubio), è stata approvata la delibera che determina le nuove tariffe per il territorio di competenza di Acque Veronesi: un incremento tariffario del 6,5% per il 2014 e un ulteriore 6,5% per l’anno 2015. Nella delibera è stata approvato quindi anche il programma degli interventi strutturali che la società si impegna a realizzare nei prossimi quattro anni, dal 2014 al 2017, per un totale di 48 milioni di euro al lordo di contributi pubblici. Sul lato Gardesana Servizi, che si occupa dell'erogazione nei settori Garda-Baldo, è passata la delibera nonostante i sei astenuti (Badia Calavena, Buttapietra, Castel d’Azzano, Cerea, Colognola ai Colli e Malcesine): ci sarà un aumento tariffario del 3,1 per l’anno 2014 e di un ulteriore 3,5 per l’anno 2015.

Come per Acque Veronesi, è stato quindi anche approvato il programma degli interventi strutturali nel quadriennio di riferimento, per un totale di 11,9 milioni di euro al lordo dei contributi pubblici. Come per Acque Veronesi, il Consiglio di Bacino impegna la sua sociatà di gestione di adottare pratiche gestionali di contenimento delle spese. “Azienda gardesana servizi - afferma Mauro Martelli, presidente del Consiglio di Bacino - è stata un po’ più attenta a mantenere l’equilibrio tra investimenti minimi per assicurare l’operatività, e l’aspetto sociale, per non aumentare troppo le tariffe in un momento difficile per le famiglie. Acque Veronesi ha puntato più alla realizzazione degli investimenti, e, anche se aveva diritto ad un aumento del 9% ha deciso di scendere al 6,5%, che resta comunque un aumento importante. I sindaci hanno comunque dato la loro fiducia, purchè siano interventi garantiti. Come Consiglio di Bacino - conclude Martelli - auspichiamo che queste risorse siano dedicate ad investimenti reali, che verranno verificati alla fine dell’anno, per valutare che la fiducia dei sindaci sia stata ben riposta, sperando che Acque Veronesi migliori le sue performance negli investimenti da realizzare, abbondantemente al di sotto di quanto promesso”.

TABELLE E DATI: ACQUA E TARIFFE A VERONA E PROVINCIA

COSTO DELLA BOLLETTA NEL 2014

Costo della bolletta per dimensione del nucleo familiare

1 persona (50 mc/a)

2 persone (100 mc/a)

fam. media (175 mc/a)

4 persone (200 mc/a)

5 persone (250 mc/a)

Area Veronese: Acque Veronesi Scarl

€/anno

78,53

134,00

243,32

284,11

339,29

Costo specifico (euro al metro cubo)

€/mc

1,571

1,340

1,390

1,421

1,357

Area del Garda: Az. Gardesana Servizi SpA

€/anno

79,37

136,47

249,83

292,23

351,51

Costo specifico (euro al metro cubo)

€/mc

1,587

1,365

1,428

1,461

1,406

INCREMENTO DELLA SPESA ANNUA PER FAMIGLIA DAL 2013 AL 2014

Acque Veronesi Scarl

€/anno

€ 4,79

€ 8,18

€ 14,85

€ 17,34

€ 20,71

Az. Gardesana Servizi SpA

€/anno

€ 2,39

€ 4,10

€ 7,51

€ 8,79

€ 10,57

Nella tabella 2 gli aumenti incideranno gli aumenti in bolletta (le prime due righe dall’alto). I dati riportati sono nel dettaglio dal 2006 ad oggi, con l’aggiornamento delle tariffe per il 2014 e il 2015. Da tenere conto una famiglia media consuma 175 metri cubi d’acqua all’anno - colonna in grassetto -. Secondo le tariffe approvate oggi, quindi, una famiglia media nel 2014 pagherà per il servizio idrico (acqua, depurazione, fognatura) 14,85 euro in più (come già visualizzato nella tabella precedente). Nel 2015 invece, rispetto alla bolletta del 2014, l’aumento sarà di 15,81 euro.

TABELLA 2

COSTO TOTALE DELLA BOLLETTA IVA COMPRESA IN FUNZIONE AL CONSUMO ANNUO

m3/a

0

50

100

150

175

200

250

300

2015

€ 24,57

€ 83,62

€ 142,70

€ 215,67

€ 259,11

€ 302,56

€ 403,36

€ 504,15

2014

€ 23,07

€ 78,52

€ 133,99

€ 202,51

€ 243,30

€ 284,09

€ 378,74

€ 473,38

2013

€ 21,66

€ 73,73

€ 125,81

€ 190,15

€ 228,45

€ 266,75

€ 355,62

€ 444,49

2012

€ 19,80

€ 67,40

€ 115,01

€ 173,82

€ 208,84

€ 243,85

€ 325,08

€ 406,32

2011

€ 22,00

€ 67,57

€ 113,15

€ 167,93

€ 199,91

€ 231,90

€ 298,63

€ 365,38

2010

€ 22,00

€ 65,55

€ 109,09

€ 160,17

€ 189,48

€ 218,78

€ 279,63

€ 340,49

2009

€ 22,00

€ 63,67

€ 105,36

€ 153,87

€ 181,70

€ 209,53

€ 277,81

€ 346,05

2008

€ 22,00

€ 59,91

€ 97,82

€ 141,67

€ 166,56

€ 191,46

€ 251,90

€ 312,37

2007

€ 22,00

€ 55,40

€ 88,81

€ 127,05

€ 148,58

€ 170,09

€ 221,83

€ 273,56

2006

€ 7,70

€ 36,33

€ 69,75

€ 109,56

€ 131,63

€ 153,68

€ 200,24

€ 246,81

Nella tabella 3 sono invece riportate le percentuali di variazione della tariffa di anno in anno (e, in rosso, l’aumento totale). Si riporta anche il dato di inflazione (a destra):

TABELLA 3

Incrementi annui del costo medio della bolletta per categorie di consumo

Inflazione

2006-2015

219,1%

130,2%

104,6%

96,9%

96,8%

96,9%

101,4%

104,3%

20,0%

2014-2015

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

1,5%

2013-2014

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

6,5%

1,2%

2012-2013

9,4%

9,4%

9,4%

9,4%

9,4%

9,4%

9,4%

9,4%

3,0%

2011-2012

-10,0%

-0,3%

1,6%

3,5%

4,5%

5,2%

8,9%

11,2%

3,0%

2010-2011

0,0%

3,1%

3,7%

4,8%

5,5%

6,0%

6,8%

7,3%

2,1%

2009-2010

0,0%

3,0%

3,5%

4,1%

4,3%

4,4%

0,7%

-1,6%

1,3%

2008-2009

0,0%

6,3%

7,7%

8,6%

9,1%

9,4%

10,3%

10,8%

1,6%

2007-2008

0,0%

8,1%

10,1%

11,5%

12,1%

12,6%

13,6%

14,2%

3,0%

2006-2007

185,7%

52,5%

27,3%

16,0%

12,9%

10,7%

10,8%

10,8%

1,7%

Consumo m3/a

0

50

100

150

175

200

250

300

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento