In Veneto, un'offerta di lavoro su tre fatica a trovare una risposta adeguata

Il Veneto è tra le regioni italiane in cui il mancato incontro tra l'offerta e la domanda di lavoro impatta maggiormente sul mercato

(Foto di repertorio)

Sono le imprese del Nordest quelle che incontrano maggiori difficoltà nel reclutamento del personale e il Veneto è tra le regioni italiane in cui il mancato incontro (mismatch) tra le esigenze occupazionali delle imprese e le caratteristiche dei lavoratori disponibili impatta maggiormente sul mercato del lavoro.

Il mismatch è un fenomeno in crescita, dovuto all'effetto concomitante di diversi fattori: una congiuntura economica positiva, una piena occupazione che riduce la platea dei candidati che spesso sono i più fragili, una crescita che incentiva la ricerca di competenze specialistiche, l'invecchiamento della popolazione lavorativa che porta con sé un problema sempre più diffuso di obsolescenza delle competenze, l'avanzamento tecnologico in molti settori e mestieri tradizionali e, non ultimo, un sistema di servizi per il lavoro ancora non adeguato a fornire risposte efficaci a chi cerca di lavoro. Queste sono le principali evidenze messe in luce dal report a cura di ClicLavoro Veneto e Veneto Lavoro sul tema della mancata corrispondenza tra domanda e offerta nel mercato del lavoro e dei fattori che lo alimentano.

Secondo i dati dell'indagine di Excelsior-Unioncamere sui programmi occupazionali delle imprese, circa il 31% delle assunzioni previste in Veneto si riferisce a figure professionali difficili da trovare; nel resto della penisola la percentuale è del 26%. Le maggiori difficoltà si riscontrano in relazione a profili tecnici e ad elevata specializzazione e vanno ricondotte alla mancanza di candidati o a una preparazione considerata non adeguata.
La principale causa del mancato incontro tra domanda e offerta di lavoro risulta, infatti, il disallineamento delle competenze, che si verifica quando le caratteristiche dei candidati risultano non in linea con le richieste del mondo produttivo. E secondo l'Ocse, l'Italia è uno dei Paesi europei con la quota più elevata di lavoratori con competenze al di sotto o al di sopra di quelle richieste per la posizione occupata.

In Veneto stiamo rivedendo i contenuti dell'offerta formativa professionale, che coinvolge in media 20mila allievi e rappresenta uno dei punti di forza del sistema educativo regionale - ha confermato l'assessore regionale alla formazione e al lavoro Elena Donazzan - Finalmente i ministeri dell'istruzione e del lavoro hanno aggiornato il repertorio delle qualifiche e dei diplomi, prevedendo nuovi profili tecnici in linea con le attese del mercato del lavoro e in particolari dei settori più innovativi della manifattura e del terziario. Da parte nostra siamo già pronti a partire con i bandi per i centri di formazione professionale, perché formulino i nuovi piani di offerta formativa, dettagliando indirizzi e corsi attivabili per il prossimo anno scolastico, possibilmente in partnership con le aziende del territorio.
Il secondo importante strumento sono gli Its Academy, i sette istituti veneti di formazione tecnica superiore, parallela ai corsi universitari, che offrono a circa 2mila allievi percorsi formativi progettati e gestiti direttamente con le aziende, in piena alternanza tra insegnamento teorico ed esperienza diretta di lavoro.

Il mancato incontro tra domanda e offerta di lavoro ha varie sfaccettature, come evidenziato dal report: lo scollamento tra il mondo della scuola e il mondo del lavoro, fattori geografici legati alla distanza tra il posto di lavoro e la disponibilità del lavoratore a spostarsi, un'offerta economica insoddisfacente e non congrua alle aspettative del candidato, condizioni contrattuali non appetibili per il candidato selezionato, questioni legate alle modalità di ricerca e selezione dei candidati da parte delle aziende. Identificare la causa del mismatch diventa quindi il primo passo per individuare una possibile soluzione.
«Aggiornare l'offerta formativa di corsi e diplomi e avvicinarli alle richieste del mondo del lavoro è il primo intervento, indispensabile e indifferibile - ha sottolineato ancora l'assessore regionale - Ma bisogna lavorare anche su altri fronti, tra azioni immediate e piani di intervento di medio-lungo termine che tengano conto dei cambiamenti e degli scenari futuri del mercato del lavoro. Tra le azioni immediate rientrano le politiche abitative, quelle infrastrutturali e gli interventi che favoriscono mobilità dei lavoratori, ad esempio fiere del lavoro personalizzate sulla base di specifiche esigenze territoriali, settoriali, professionali o aziendali, percorsi formativi ad hoc per i disoccupati, Academy aziendali per la formazione dei dipendenti, percorsi di supporto alle imprese nei processi di selezione e gestione del personale. Nel medio-lungo periodo risultano invece fondamentali la diffusione di una maggiore conoscenza dei servizi per il lavoro e delle possibilità offerte a imprese e disoccupati. L'obiettivo del sistema regionale dei servizi per il lavoro, che mette in sinergia i centri per l'impiego, le agenzie per il lavoro e i centri di orientamento, è essere sempre più organizzato, efficiente e funzionale, con linee di intervento incentrate sulla persona e su un giusto equilibrio di politiche attive e passive, in grado di offrire il miglior sostegno possibile alle persone in cerca di occupazione e di supportare le aziende nei processi di reclutamento del personale».

Allegati

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

Torna su
VeronaSera è in caricamento