Cgia: «Inefficienza pubblica amministrazione costa il doppio dell'evasione fiscale, 200 mld»

Se l'evasione fiscale in Italia costa 110 miliardi, ebbene non è l'unico grave problema

Denaro - immagine d'archivio

«Ci sono ragionevoli certezze nel ritenere che nel rapporto "dare-avere" tra lo Stato e il contribuente italiano, il soggetto maggiormente leso non sia il primo, bensì il secondo. Considerando tutta una serie di caveat (riserve ndr), che saranno sviluppati successivamente, la tesi è la seguente: la dimensione economica dell’evasione fiscale presente in Italia (110 miliardi) è poco più della metà dei costi a carico di cittadini e imprese relativi a sprechi, sperperi e inefficienze generate dalla Pubblica amministrazione (almeno 200 miliardi di euro)». È questa la conclusione cui è giunto l’Ufficio studi della Cgia di Mestre che è pervenuto a tale valutazione partendo dall’analisi di alcuni dati di contesto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Cgia ha quindi voluto rammentare che «uno Stato di diritto si basa, tra le altre cose, sul principio della legalità. Sia chiaro, - si legge ancora nella nota della Cgia - chi evade commette un reato e va perseguito ovunque esso si annidi. Tuttavia, la legalità deve essere rispettata da tutti: sia dai soggetti pubblici sia da quelli privati». Resta dunque che se è vero che «secondo una stima del ministero dell’Economia, l’ammontare complessivo dell’evasione in Italia si attesterebbe attorno ai 110 miliardi di euro all’anno», è altrettanto degno di nota secondo la Cgia che il «costo che i cittadini e le imprese sopportano in ragione del cattivo funzionamento della Pubblica amministrazion» sarebbe di almeno «200 miliardi di euro all’anno». Una cifra decisamente spaventosa che, la Cgia di Mestre non manca di far notare, arriverebbe ad essere «quasi doppia rispetto a quella dell’evasione». Insomma, Houston (o per meglio dire Italia) abbiamo non uno, ma due problemi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento