Veneto in Love: Jesolo e il lago di Garda uniti sotto il segno di San Valentino

Torna per il secondo anno consecutivo l'iniziativa di marketing territoriale che unisce due delle principali location turistiche regionali: «Un’intesa che porta benefici in termini economici per entrambe le mete»

Il brindisi alla presentazione

Dal 14 al 16 febbraio a Jesolo e sulla sponda veronese del Lago di Garda l’amore sarà il protagonista indiscusso: un’iniziativa di marketing territoriale che unisce mare e lago nel segno di San Valentino.

Così, due mete turistiche, tra le più gettonate del Veneto, per il secondo anno consecutivo hanno deciso di unirsi per celebrare la festa degli innamorati.

Jesolo in Love” e “Lago di Garda in Love” sono state presentate giovedì mattina a Venezia nella sede di Palazzo Balbi, dall’assessore regionale al turismo Federico Caner, dai rappresentanti delle amministrazioni comunali coinvolte nel progetto e dagli organizzatori degli eventi.

Continua il connubio tra differenti sistemi turistici del nostro territorio – ha sottolineato l’assessore regionale –. Il mare e la spiaggia di Jesolo e le incantevoli località del Lago di Garda propongono insieme un’iniziativa la cui finalità va oltre l’evento stesso, svolgendo un funzione promozionale più ampia del territorio e della sua offerta turistica. Un’intesa che porta benefici in termini economici per entrambe le mete, le quali, alleandosi, offrono un’immagine di vitalità e un’opportunità di visita non solo estiva, sperimentando forme di destagionalizzazione sulle quali lavorare anche in futuro.

Da venerdì 14 a domenica 16 febbraio prossimi a Jesolo, Borghetto di Valeggio sul Mincio, Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Campo di Brenzone sul Garda, Malcesine e Toscolano Maderno (quest’ultima in provincia di Brescia) saranno teatro di spettacoli, eventi culturali, appuntamenti enogastronomici e mercatini

Un vero e proprio ‘scambio di visibilità’ tra lago e mare, con manifestazioni e stand che vivacizzano le strade e le piazze di numerose località, fornendo una vetrina delle eccellenze produttive del Veneto e proponendosi come meta non solo per gli escursionisti ‘nostrani’ ma anche per quelli esteri, magari attratti da una sorta di avanscoperta invernale in vista della vacanza estiva.

I promotori della kermesse hanno l’ambizioso proposito di coinvolgere in futuro nell’iniziativa altre località per far sì che il Veneto, patria di Giulietta e Romeo, sia riconosciuta come la regione più romantica d’Italia e in tal senso hanno già individuato il logo “Veneto in Love”, presentato per la prima volta nel corso dell’odierna conferenza stampa.

“Ben venga la creazione di un circuito turistico dedicato alla celebrazione del santo patrono dell’amore – ha concluso Caner –: Valentino è un santo ‘internazionale’ e la ricorrenza del 14 febbraio si celebra in molti dei Paesi dai quali tradizionalmente provengono consistenti flussi turistici. L’offerta di un’opportunità nuova di visita e di soggiorno nelle nostre destinazioni è coerente con l’evolversi della domanda turistica che vede affermarsi una progressiva e continua riduzione della permanenza nelle località di villeggiatura e la tendenza, più evidente per il mercato nazionale ma valida anche per quelli esteri, è quella di sostituire la lunga vacanza estiva di un tempo con una o più vacanze brevi nel corso dell’anno, anche in bassa stagione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento