Pensione, Accredito anticipato. Fissato un calendario per il ritiro in Posta

Le nuove misure sono scattate nell'ambito dell'emergenza sanitaria provocata dal Coronavirus, per evitare assembramenti e preservare la salute dei più anziani

Immagine generica

Arrivano novità anche sul fronte pensioni a causa della battaglia contro la diffusione del Covid-19. Il Governo infatti, per evitare assembramenti agli uffici postali da parte delle persone anziane, le più vulnerabili al contagio, ha deciso una nuova metodologia di pagamento per chi si rivolge alle Poste Italiane.
Le novità sono sostanzialmente due.

Anzitutto, il pagamento delle mensilità di aprile, maggio e giugno verrà anticipato per tutti coloro che hanno un bancoposta, un libretto postale o una carta Postepay evolution e hanno l’accredito della pensione. In particolare a questi pensionati i soldi riferiti al mese di aprile arriveranno giovedì 26 marzo. Un meccanismo che varrà anche per i due mesi successivi.

Diversa la questione per chi ritira direttamente la pensione in contanti allo sportello postale. Stiamo parlando di una platea esigua, composta, secondo alcuni calcoli elaborati dallo Spi Cgil nazionale, da circa il 5% del totale dei pensionati della nostra regione. Seppur pochi, però, sono loro i soggetti più a rischio contagio, dato che devono uscire di casa e recarsi agli sportelli postali per ritirare i soldi. Con il pagamento scaglionato si evitano dunque assembramenti fuori e dentro gli uffici.

«Siamo naturalmente favorevoli sia all’anticipo della pensione che allo scaglionamento per chi ritira i soldi in contanti alle Poste – commentano dalla segreteria dello Spi Cgil del Veneto -. Inutile dire però che serva una informazione capillare nei prossimi giorni perché questa modalità rischia di ingenerare confusione tanto più in un momento delicato e caotico. Chiediamo quindi all'Inps, Poste e Governo di informare tempestivamente e correttamente il più alto numero di persone attraverso tutti i canali di comunicazione a disposizione».

Per gli uffici postali aperti tutti i giorni dal 26 marzo al 1° aprile.

26 marzo Giovedì Dalla A alla B
27 marzo Venerdì Dalla C alla D
28 marzo (mattina) Sabato Dalla E alla K
30 marzo Lunedì Dalla L alla O
31 marzo Martedì Dalla P alla R
1° aprile Mercoledì Dalla S alla Z

Per gli uffici postali aperti a giorni alterni dal 26 marzo al 1° aprile. 

Uffici aperti lunedì, mercoledì e venerdì. 

27 marzo Venerdì Dalla A alla D
30 marzo Lunedì Dalla E alla O
1° aprile Mercoledì Dalla P alla Z

Uffici aperti martedì, giovedì e sabato. 

26 marzo Giovedì Dalla A alla D
28 marzo (mattina) Sabato Dalla E alla O
31 marzo  Martedì Dalla P alla Z

Per gli uffici postali aperti eccezionalmente da giovedì 26 marzo a sabato 28.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
26 marzo Giovedì Dalla A alla D
27 marzo Venerdì Dalla E alla O
28 marzo (mattina) Sabato Dalla P alla Z

Per tutti gli uffici postali aperti in unica giornata su tutta la settimana, il pagamento sarà effettuato a tutte le lettere nella stessa giornata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

Torna su
VeronaSera è in caricamento