Disoccupazione: dopo un'annata da record si cercano le misure per contrastarla

In aumento le persone disoccupate da oltre 12 mesi in Italia e in Europa, una situazione che va affrontata subito. Lo dicono gli esperti in un incontro che si è tenuto a Verona il 12 Marzo scorso per parlare di lavoro e occupazione in collaborazione con l'agenzia sociale Lavoro & Società

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Un dato che ci fa riflettere: in Europa negli ultimi 5 anni i disoccupati sono aumentati di oltre il 42% e sono oltre 10 milioni le persone che sono senza lavoro da oltre 12 mesi.

La situazione italiana è altrettanto preoccupante siamo attorno al 52% di disoccupati di lunga durata, le fasce più colpite sono i giovani con bassa scolarità. Questi temi sono stati dibattuti nel corso del primo incontro su "Modelli di politica per l'occupazione, esperienze a livello europeo e nazionale" che si è tenuto il 12 marzo a Verona, organizzato dall'agenzia sociale Lavoro & Società, in collaborazione con la Provincia di Verona. Presenti al convegno in qualità di relatori gli esperti di Italia Lavoro Luca Meneguzzo e dell'Osservatorio mercato del Lavoro della Regione Friuli Venezia Giulia Marco Cantalupi, che hanno presentato un'analisi sui temi del lavoro e dell'occupazione a livello europeo e italiano davanti ad una platea di oltre cinquanta tra operatori del mercato del lavoro veronesi e istituzioni che fanno parte della rete servizi per il lavoro della città scaligera.

L'occasione per approfondire questi temi è stata la chiusura del progetto della Provincia di Verona, attivato dall'agenzia sociale Lavoro & Società e sostenuto dalla Fondazione Cariverona, "Percorsi per lavoratori svantaggiati" che ha coinvolto nello scorso anno, oltre 700 persone disoccupate della nostra provincia. Tre ore di approfondimento e di analisi sul tema delle politiche del lavoro hanno messo in luce numerosi elementi di riflessione, tra questi la necessità di investire in servizi sempre più attenti e definiti sui reali bisogni delle persone con un ruolo di primo piano delle istituzioni pubbliche in collaborazione con realtà private, per agevolare la fruizione dei servizi e l'intermediazione con il mondo delle imprese. La formazione e un incentivo al privato cittadino privo di sostegno dovranno essere una parte importante di questi servizi per il prossimo futuro ma soprattutto operare per garantire un sistema che agevola lo sviluppo del tessuto produttivo locale attraverso servizi alle imprese volti ad incentivare le start up e quindi le assunzioni di giovani, la ricerca e l'innovazione, l'internazionalizzazione e quindi l'autoimprenditorialità.

Infine ancora una volta emerge chiaramente l'importanza di operare secondo un modello di rete, sistema per il quale Lavoro & Società, agenzia sociale veronese, è riuscita a coinvolgere i principali attori nei servizi al lavoro veronesi e ad operare in sinergia con oltre sei Comuni della provincia dove sono stati aperti Sportelli Lavoro per ascoltare e orientare direttamente sul territorio le persone che hanno bisogno di sostegno nella difficile impresa di trovare un lavoro. I prossimi incontri in programma saranno il 23 Aprile per affrontare il tema lavoro e occupazione in Veneto e infine il 4 Giugno dove si parlerà di Verona e di che cosa è stato fatto e c'è ancora da fare nella nostra città. Un'iniziativa voluta dall'agenzia sociale Lavoro & Società, Provincia di Verona per formare tutti gli operatori

Torna su
VeronaSera è in caricamento