Crollano i prezzi di mele e pere, colpite anche dal flagello cimice asiatica

È Cia Verona ha richiamare l'attenzione sui frutticoltori, messi in difficoltà dal mercato e dall'insetto "alieno", al punto da non riuscire a coprire i costi di produzione

Una mela colpita dalla cimice asiatica

Parte in affanno la stagione per le mele e le pere veronesi, con prezzi insoddisfacenti per i frutticoltori, che non riescono neppure a coprire i costi di produzione, fanno sapere da Cia Verona.

«Nel 2018, dopo la scarsità di prodotto del 2017, i prezzi medi mensili delle mele erano cresciuti di oltre il 50% rispetto all’annata precedente – sottolinea Andrea Lavagnoli, presidente di Cia Verona -. Quest’anno invece assistiamo a un crollo. I produttori vendono le Golden a prezzi dai 15 ai 20 centesimi, arrivando al massimo a 23 centesimi per quelle di grande pezzatura. Le mele da succo vengono battute a 3 centesimi: una miseria. Basso il prezzo anche delle Stark, tra 25 e 30 centesimi, così come per le Gala, mentre i nuovi cloni rossi vanno un po’ meglio con prezzi tra 35 e 40 centesimi. Per le Granny Smith è ancora presto per un primo bilancio, ma le previsioni non sono buone. Rispetto allo scorso anno è una stagione veramente magra. Il mercato è fermo e di prodotto ce n’è troppo, anche dall’Europa».

Per le pere i prezzi sono decisamente migliori: dai 50 ai 70 centesimi per le William e le Conference, tra i 60 e 70 le Abate, con punte di 1 euro per le pezzature migliori. «Peccato che la cimice asiatica, nella zona Sud-Est del Veronese, abbia fatto disastri, con perdite del prodotto mediamente del 40 per cento. Secondo un’indagine di Cso Italy quest’anno verrà a mancare un terzo della produzione a livello nazionale. Una grave perdita di reddito per i nostri frutticoltori, che rischiano di chiudere i bilanci in rosso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda le mele, Verona resta la prima produttrice in Veneto e la terza in Italia con 4.550 ettari e 225.600 tonnellate raccolte nel 2018 (dati Veneto Agricoltura). Per le pere gli ettari coltivati sono 1.390 e 36.530 le tonnellate raccolte l’anno scorso, che la vedono sempre prima nel Veneto e quinta in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento