Locazione turistica, nuove norme in arrivo. Confcommercio: "Avanti così"

L'assessore regionale al turismo Federico Caner ha annunciato che presto la Regione Veneto si doterà di una nuova regolamentazione. La Confcommercio veronese è soddisfatta e ripete: "Stesso mercato, stesse regole"

Turisti (Foto generica di repertorio)

L'assessore regionale al turismo Federico Caner ha annunciato che presto la Regione Veneto si doterà di una nuova regolamentazione per quel che riguarda le attività di locazione turistica. Si parla di adozione di un codice identificativo e della targa di riconoscimento delle strutture. Una novità che piace a Paolo Arena, presidente di Confcommercio Verona, che la ritiene un importante primo passo. Allo stesso tempo, però, Arena invita Caner a continuare su questa strada, implementando ulteriori strumenti legislativi, per far sì che le locazioni turistiche e il settore alberghiero tradizionale abbiamo le stesse regole per competere nello stesso mercato.

Giulio Cavara, presidente dell'associazione albergatori di Confcommercio, afferma che i provvedimenti previsti dalla Regione, una volta a regime, saranno senz'altro utili dal punto di vista del censimento delle strutture e della conoscenza dei gestori, rispondendo alle richieste di tutela della sicurezza dei territori. Cavara esorta ad attuare con coraggio anche altre proposte per regolamentare in modo organico questo segmento turistico, oggi largamente diffuso nei nostri centri storici.

Ben sappiamo - prosegue Cavara - che alcune competenze sono del legislatore nazionale, ma crediamo che la Regione, sulla scorta di quanto già previsto ed attuato per i bed and breakfast, possa individuare una presunzione di imprenditorialità anche per quei gestori che propongono sui maggiori portali, i loro immobili ubicati nei centri turistici di maggiore importanza, pochi o tanti che siano. Inoltre, l'attività normativa deve essere affiancata da controlli, effettuabili anche da remoto. Molti gestori di locazione ignorano il divieto di offerta di servizi alberghieri, pur essendo questo ben chiaro e contenuto in una delibera della giunta regionale del Veneto, pubblicizzando sui siti internet il cambio giornaliero della biancheria, per esempio.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

Torna su
VeronaSera è in caricamento