Dal Forum economico eurasitico di Verona: «Basta sanzioni alla Russia»

Lo hanno chiesto in tanti nella prima giornata di un evento capace di attirare più di mille imprese. Presente anche il ministro dell'interno Salvini: «Nel 2018 non servono le sanzioni, servono amicizia e dialogo»

Matteo Salvini al Forum economico eurasitico

Cari amici, vi saluto cordialmente in occasione di questo forum che si svolge in una delle più belle città d'Italia. Il forum si è guadagnato credibilità e il giusto prestigio su un tema molto importante. L'economia della fiducia e la diplomazia del business dall'Atlantico al Pacifico riflette infatti il crescente fabbisogno in materia di sviluppo, di energia e di tecnologia, che devono essere libere da barriere e sanzioni. La Russia è pronta a farlo con i partner europei.

È giunto anche il messaggio del presidente della Russia Vladimir Putin, oggi, 25 ottobre, nel primo dei due giorni dell'undicesimo Forum economico eurasiatico. Il forum si tiene a Verona e ha attirato ben 1.100 imprese, tutte presenti all'apertura dei lavori. Il messaggio di Putin è stato letto da Igor Sechin, presidente di Rosneft, una delle principali compagnie petrolifere russe. Lo stesso Sechin è poi intervenuto, anche lui contro le sanzioni economiche che l'Unione Europea ha imposto alla Russia. «Le sempre più aspre sanzioni comminate alla Russia sono finalizzate solo a modificare l'assetto del mercato mondiale, influenzando il settore energetico e favorendo gli Stati Uniti - ha detto il presidente di Rosneft - Servono, invece, investimenti che puntino sull'ecologia ed è necessario insistere sullo sviluppo di politiche volte alla sostenibilità perché il comparto andrà incontro, nel prossimo futuro, ad una riduzione importante delle risorse petrolifere».

Il Forum economico eurasiatico è stato aperto dal suo ideatore, Antonio Fallico, presidente dell'associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia. «Oggi più che mai - ha detto riguardo alle sanzioni contro la Russia - dobbiamo intraprendere ogni azione possibile per abolire le sanzioni in Europa. Ci attendiamo che il governo italiano sia capace di far condividere agli altri paesi il suo atteggiamento antisanzionatorio o in alternativa faccia pesare il suo voto negativo/contro le sanzioni. Dobbiamo passare urgentemente dalle parole ai fatti». E dei fatti si dovrà occupare il vicepremier e ministro dell'interno Matteo Salvini, presente anche lui all'inaugurazione del forum. «Vi ringrazio perché voi lavorate per il dialogo, lavorate per costruire, non per distruggere - ha detto Salvini - Nel 2018 non servono le sanzioni, non servono i carri armati, non servono le truppe militari ai confini: serve l'amicizia, la conoscenza, la crescita, il dialogo».

sboarina-salvini-2

Stretta di mano e comunione d'intenti tra il ministro Salvini e il sindaco di Verona Federico Sboarina durante il Forum euroasiatico. «Verona è la terza provincia del Veneto per export e la prima per interscambio con l'Unione eurasiatica, grazie all'avanguardia e alla professionalità delle nostre aziende - ha detto Sboarina - Non possiamo che puntare a migliorare questi risultati. Qui le imprese russe devono sentirsi a casa loro. Noi in campo mettiamo l'innovazione, la tecnologia e le idee di tanti giovani che si stanno facendo strada nel mondo dell'impresa, ma anche una tradizione millenaria nel mondo dell'agricoltura e una storia lunga secoli che ci ha lasciato un patrimonio artistico e culturale di immenso valore. Mi auguro che queste due giornate possano essere produttive e di stimolo per la crescita dell'economia e della cooperazione tra i paesi qui rappresentati, e che i riflettori rimangano accesi ad illuminare la strada del business tra l'Italia, la Russia e l'Eurasia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla prima sessione del Forum economico eurasiatico ha partecipato anche Romano Prodi in qualità di presidente della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli. «L'Europa si trova in un crescente isolamento economico derivante da una continua tensione politica - ha detto Prodi - Mancano le iniziative concrete: stiamo perdendo un ruolo commerciale che è sempre stato la grande forza dell’Europa, siamo ancora il più grande produttore manufatturiero e il più grande esportatore, ma con una tendenza a perdere che preoccupa moltissimo. Non c’è un movimento che riequilibra questa perdita di rapporti con la Russia. L'Europa deve iniziare a dialogare con la Commissione economica eurasiatica, perché stiamo sciupando un patrimonio di rapporti economici mentre abbiamo bisogno di un una strategia vincente da entrambi i lati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento