Politici, diplomatici, istituzioni e top manager al Forum Eurasiatico di Verona

Il vertice organizzato è dall'Associazione Conoscere Eurasia, Roscongress e Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo per il 24 e il 25 ottobre al Palazzo della Gran Guardia

Antonio Fallico, presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia

Finanza, trasporti e infrastrutture, rivoluzione industriale 4.0 ed economia digitale ma anche geopolitica, sicurezza energetica europea con un focus sull'oil&gas e le sfide globali che dovranno affrontare la cooperazione internazionale e il business, dall'Atlantico al Pacifico. Sono i macro-temi del XII Forum Economico Eurasiatico, il vertice organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia, Roscongress e Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo in programma a Verona il 24 e il 25 ottobre, al Palazzo della Gran Guardia.

Attesi circa 60 speaker internazionali tra politici, diplomatici, istituzioni e top manager delle aziende sistemiche di Italia, Europa e Unione Economica Eurasiatica, in un confronto che coinvolgerà anche fondi di investimento, delegazioni commerciali provenienti da 40 Paesi e una platea composta da oltre mille aziende nazionali ed estere.
Presenti per il governo italiano il ministro per gli affari europei Vincenzo Amendola e il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli.

Al Forum Economico Eurasiatico, in agenda anche accordi commerciali nel settore del gas naturale liquefatto, con uno dei più grandi produttori russi pronto a siglare due contratti di fornitura e componentistica con alcune imprese italiane del settore per un valore complessivo che supera i 2,5 miliardi di euro. «Il forum è l'unica piattaforma internazionale di dialogo e di connessione del business da e verso l'Unione Economica Eurasiatica, che rappresenta il mercato di congiunzione naturale verso la Cina - commenta l'ideatore dell'evento Antonio Fallico, presidente dell’Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia - In uno scenario geopolitico dominato da un'incertezza cronica e da un rallentamento della crescita dell'economia globale che non risparmia alcun Paese, da Ovest a Est, occorre ripensare e recuperare la cooperazione con un'area non solo strategica ma anche vitale per le imprese italiane ed europee. Il Forum Economico Eurasiatico, quindi, vuol essere una spinta in favore non solo della reciprocità commerciale ma anche di quella imprenditoriale. In Russia, ad esempio, l'Italia è solo 15esima tra i Paesi investitori: un ranking notevolmente più basso rispetto a quello occupato dal Belpaese nell'interscambio commerciale, dove occupa la quinta posizione».

Sul fronte delle presenze, la prima giornata del XII Forum Economico Eurasiatico, oltre al ministro Amendola, prevede in apertura gli interventi di: Federico Sboarina, sindaco di Verona, Sardor Umurzakov, ministro degli investimenti e del commercio estero dell'Uzbekistan; Romano Prodi, presidente della Fondazione per la collaborazione tra i popoli; Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia.
A seguire sessione speciale per Igor Sechin, presidente e ceo di Rosneft, ed Emma Marcegaglia, presidente Eni, che si confronteranno sulle sfide del mercato mondiale del petrolio e sulle opportunità del settore.
I lavori proseguiranno nel corso della giornata con, tra gli altri: Alfred Von Liechtenstein, chairman International Peace Foundation; Veronica Nikishina, ministro del Commercio della Commissione Economica Eurasiatica; Grigory Rapota, Segretario di Stato Russia-Bielorussia; Frank Schauff, ceo Association of European Businesses; Aleksander Shokhin, presidente Unione industriali e imprenditori della Russia; Marco Alverà, ad Snam; Elena Burmistrova, direttore generale Gazprom Export; Fares Kilzie, chairman Creon Capital; Leonid Mikhelson, presidente Management board Novatek; Mehmet Ogutcu, chairman Bosphorus Energy Club della Turchia e Marco Tronchetti Provera, vice presidente esecutivo e ceo Pirelli & C.
Le conclusioni della prima giornata sono affidate a Mehdi Sanai, Ambasciatore dell’Iran in Russia e ad Antonio Fallico.

Venerdì 25 ottobre si prosegue con il ministro Patuanelli, Vladimir Chubar, presidente Credit Bank of Moscow; Alessandro Decio, ceo e direttore generale Sace; Mauro Micillo, head of Corporate ad Investment Banking Division Intesa Sanpaolo; Valery Vaisberg, chief analyst Region – Società di investimenti; Garegin Tosunyan, presidente Association of Russian Banks; Francesco Profumo, presidente Acri e Compagnia di San Paolo; Fabrizio Di Amato, presidente esecutivo Maire Tecnimont; Ofer Sachs, ceo Hertoz Strategies Israel e Vicotr Vekselberg, presidente del board Skolkovo Foundation.
La giornata si concluderà con i contributi di Vladimir Chizhov, Rappresentante permanente della Russia presso l’Ue, Pasquale Terraciano, Ambasciatore dell’Italia in Russia e Antonio Fallico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

Torna su
VeronaSera è in caricamento