Airbnb, boom di alloggi disponibili a Verona. Federalberghi: "Ci danneggiano"

Nella settimana di Pasqua, in provincia di Verona, erano oltre 1.500 e gli albergatori di Confcommercio chiedono che si intervenga per controllare e regolamentare meglio la situazione

Nella settimana di Pasqua, in provincia di Verona, risultavano disponibili su Airbnb ben 1.576 alloggi, di cui 1.229 (77,98%) riferiti ad interi appartamenti, 959 (60,85%) disponibili per più di sei mesi, 910 (57,74%) gestiti da host che mettono in vendita più di un alloggio. I numeri sono stati elaborati da Federalberghi-Incipit Srl sui dati forniti da Inside-Airbnb.

Proprio gli albergatori di Confcommercio, riunita in assemblea a Rapallo alla presenza di una nutrita delegazione veronese, ha sottolineato quattro falsità sulla cosiddetta economia condivisa o sharing economy: "Non è vero che si condivide l’esperienza con il titolare - si legge in una nota di Federalberghi - La maggior parte degli annunci pubblicati su Airbnb si riferisce all'affitto di interi appartamenti, in cui non abita nessuno. Non è vero che si tratta di attività occasionali, dato che la maggior parte degli annunci si riferisce ad appartamenti disponibili per oltre sei mesi all’anno. Non è vero che si tratta di forme integrative del reddito, ma attività economiche a tutti gli effetti, che molto spesso fanno capo ad inserzionisti che gestiscono più alloggi, Non è vero che le nuove formule compensano la mancanza di offerta poiché gli alloggi presenti su Airbnb sono concentrati soprattutto nelle grandi città e nelle principali località turistiche, dove è maggiore la presenza di esercizi ufficiali. E Verona è una tra queste".

"C'è un problema di sicurezza perché a differenza delle strutture ricettive tradizionali non c’è un effettivo controllo sulle persone che soggiornano in questi appartamenti - ha aggiunto Giulio Cavara, presidente dell'associazione albergatori aderente a Confcommercio - Stiamo assistendo al proliferare di un fenomeno che sta provocando gravi problemi anche a Verona. In molte città europee si sta cercando di regolamentare, mentre in Italia le amministrazioni locali e regionali sono disarmate". Cavara ha inoltre sottolineato come ad essere danneggiate siano tanto le imprese turistiche tradizionali, quanto coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento