Fallimento Mercatone Uno: l'unità di crisi della Regione al tavolo ministeriale

L'attenzione regionale è rivolta agli ambiti occupazionali e alle relative misure di sostegno al reddito, alle condizioni di difficoltà dei fornitori e dei consumatori e agli aspetti di possibile rilancio commerciale del compendio aziendale

Il punto vendita di Legnago

Riflettori accessi mercoledì a Roma sulla vicenda del Mercatone Uno, la catena di 55 punti vendita (di cui 4 in Veneto, uno dei quali a San Pietro di Legnago) nel settore arredamento e casalinghi, in procedura fallimentare. La condizione dei 1800 dipendenti (150 quelli veneti, contando i 37 veronesi) resta al centro dell’attenzione del tavolo ministeriale di crisi, che ha visto la partecipazione dei 3 nuovi commissari straordinari nominati dal Ministero, dei rappresentanti del ministero stesso, dei sindacati e delle regioni dove hanno sede i punti-vendita della catena.

La Regione Veneto, rappresentata dalla propria unità di crisi aziendale guidata da Mattia Losego, ha confermato attenzione e continuità rispetto agli impegni assunti nei due precedenti incontri in sede ministeriale di fine maggio, e in quello regionale di giugno.

Nello specifico, l'attenzione regionale è rivolta agli ambiti occupazionali e alle relative misure di sostegno al reddito, alle condizioni di difficoltà dei fornitori e dei consumatori e agli aspetti di possibile rilancio commerciale del compendio aziendale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

Torna su
VeronaSera è in caricamento