Vinitaly, l'attenzione dell'Europa ai vini italiani. «Qualità da tutelare»

Anche il commissario europeo all'agricoltura Phil Hogan a Verona: «Stiamo lavorando per costruire rapporti commerciali in tutto il mondo e la diplomazia economica sta dando grandi risultati, dall'Asia ai nuovi mercati emergenti come l'Australia»

(Foto Ennevi)

Oggi, 8 aprile, secondo giorno di Vinitaly in fiera a Verona. Grazie alla più grande manifestazione dedicata al mondo del vino e dei distillati, il capoluogo scaligero ieri è stato al centro dell'attenzione nazionale, con le visite del premier Giuseppe Conte e del vice Matteo Salvini. Oggi sarà la volta dell'altro vicepremier Luigi Di Maio, a conferma dell'importanza di questo evento fieristico.
Un'importanza riconosciuta anche a livello europeo. «Una fantastica celebrazione della qualità e della biodiversità del patrimonio culturale e vitivinicolo, che si rispecchia nel fatto che l'Italia ha più di 600 indicazioni geografiche, il numero più alto in Europa. Compito dell'Unione Europea è tutelarle». Queste sono state le parole con cui il commissario europeo all'agricoltura Phil Hogan ha riconosciuto il valore di Vinitaly come strumento di divulgazione e promozione del vino italiano. Hogan è intervenuto ieri alla cerimonia inaugurale della 53esime edizione ed ha parlato dopo la presentazione del focus di Denis Pantini, responsabile di Nomisma Wine Monitor, sui numeri e le tendenze del mercato italiano del vino e dopo il talk show «Futuro del vino, il Vinitaly del futuro», moderato da Bruno Vespa. «L'Unione Europea esporta oltre 20 miliardi di euro di vino, dei quali oltre 6 miliardi vengono dall’Italia - ha proseguito Hogan - Sono convinto che i viticoltori avranno ancora più successo nei prossimi anni. Come Unione Europea stiamo lavorando per costruire rapporti commerciali in tutto il mondo e la diplomazia economica sta dando grandi risultati, dall’Asia ai nuovi mercati emergenti come l’Australia».

La forza della manifestazione arriva anche dal territorio - ha detto ieri il presidente del Veneto Luca Zaia - Il Veneto che partecipa al Vinitaly dei record è un record a sé. Siamo i primi produttori d'Italia con 16,5 milioni di quintali di uva e 13,5 milioni di ettolitri, con un 1,6 miliardi di export e 53 denominazioni presenti. Il futuro del vino è l'eco-sostenibilità, certificazione ambientale del prodotto, del vigneto e dell'intero processo di produzione.

E che il territorio veneto sia attento ai vini lo dimostra anche l'indagine Mercato Italia dell'Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor. I veneti che bevono vino sono in media meno degli italiani (84% vs 88%). E anche per volumi consumati non sono affatto superiori. Tuttavia, il winelover locale conosce più a fondo il vino rispetto ai connazionali: se in Italia è 1 su 4 a dichiarare una discreta conoscenza del mondo del vino in Veneto è al 31%, dichiarando di scegliere il criterio denominazioni (29% contro il 21% italiano) al momento dell'acquisto. In regione si bevono meno rossi rispetto al resto della Penisola, in linea i bianchi, in gran spolvero gli sparkling, nettamente più consumati rispetto al campione nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed insieme al Vinitaly sono partite anche le altre due manifestazioni che occupano la fiera in questi giorni: Enolitech, il salone Internazionale dedicato a tutta la filiera tecnologica applicata alla vitivinicoltura, all'olivicoltura e al beverage; e Sol&Agrifood, la rassegna che valorizza l'agroalimentare di qualità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Fatture false per evadere l'Iva, sequestri per 74 milioni ad azienda veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento