Dati Istat: tasso di occupazione in Veneto al 67,5%, il più alto di sempre

L'assessore regionale al lavoro Elena Donazzan: «Segnali positivi, ma il costo sempre troppo alto a carico delle imprese riduce i margini di guadagno e indebolisce conseguentemente l'intero sistema produttivo»

Lavoratori (Foto di repertorio)

Mai così tanti occupati in Italia da quando esistono le rilevazioni dell'Istat e tasso di disoccupazione sceso di poco sotto il 10%. L'istituto nazionale di statistica ha pubblicato ieri, 1 luglio, dati tutto sommato positivi, anche se il mondo del lavoro nel nostro Paese non è tutto rosa e fiori, soprattutto se paragonato al resto dell'Europa.

Si attesta su standard europei, invece, il Veneto. I dati Istat sull'occupazione relativi al primo trimestre 2019 fotografano 2.165.000 di occupati, un numero in aumento rispetto ai 2.116.000 del quarto trimestre 2018 e ai 2.138.000 del corrispondente primo trimestre 2018. «Il tasso di occupazione in Veneto arriva a toccare il 67,5% in Veneto, la più alta percentuale di sempre, quasi nove punti in più rispetto alla media nazionale del primo trimestre 2019 pari a 58,2%», ha sottolineato con soddisfazione l'assessore al lavoro della Regione Veneto, Elena Donazzan.
Aumenta il tasso di occupazione femminile, che in Veneto per la prima volta supera la soglia del 59% (a fronte del 49,6% della media nazionale) e scende al 6,2% il tasso di disoccupazione, in calo dello 0,8% rispetto al primo trimestre 2018, di cinque punti inferiore all'11,1% della media nazionale ed inferiore anche al 6,3% che è il tasso di disoccupazione dell'Unione Europea a 28 Stati. «I dati diffusi da Istat sono incoraggianti, in particolare per il Veneto - ha aggiunto Donazzan - Stiamo approfondendo il quadro regionale, anche per comprendere se l'aumento degli occupati abbia in un qualche modo dei riflessi dal punto di vista qualitativo su contratti e salari. Già analizzando i dati veneti riferibili al primo trimestre di quest'anno avevamo riscontrato un aumento dei contratti a tempo indeterminato: l'aumento è attribuibile al Decreto Dignità che ha di fatto determinato la trasformazione di molti contatti a tempo determinato in tempo indeterminato, e comunque alla crescita dell'export veneto e degli investimenti». L'assessore ha, infatti, collegato i dati Istat sull'occupazione agli scenari disegnati dal centro studi della Cgia di Mestre, che prevedono per il 2019 un aumento dell'export veneto del +3,1% e degli investimenti del +0,6%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono certamente segnali positivi, di una buona reazione del mercato del lavoro e dell'incrocio tra domanda e offerta, ma mi riservo approfondire al meglio la qualità di questo lavoro - ha concluso Donazzan - Il costo sempre troppo alto a carico delle imprese riduce i margini di guadagno e indebolisce conseguentemente l'intero sistema produttivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Scooter si schianta contro il guard rail nella notte: morto il conducente

Torna su
VeronaSera è in caricamento