Il ministro D'Incà a Fieracavalli: «Strategica per un settore trasversale»

Il rappresentante del Governo ha ricordato che il padre ha partecipato come espositore a 25 edizioni di una manifestazione, di cui D'Incà ha ribadito la centralità

Il presidente di Veronafiere Danese con il ministro D'Incà (Foto Veronafiere - Ennevi)

«Un grande plauso a Fieracavalli che sta portando avanti insieme a numerose associazioni tante iniziative nell'ambito del sociale». Così ha parlato oggi, 9 novembre, il ministro per i rapporti con il parlamento Federico D’Incà, visitando la 121esima edizione di Fieracavalli. «Gli animali e il cavallo in particolare possono aiutare molto le persone con disabilità - ha detto il ministro - e la pet-therapy è un tema importantissimo di cui ho avuto anche modo di occuparmi nel mio comune, con la realizzazione di una palestra dedicata agli interventi assistiti».

Ad accogliere D'Incà, il presidente di Veronafiere Maurizio Danese e il presidente della federazione italiana sport equestri Marco Di Paola. Nel corso dell'incontro, Danese ha illustrato al ministro il nuovo progetto di Fieracavalli Academy per la promozione di un approccio etico, sostenibile e sociale al mondo equestre. D'Incà, ricordando anche come il padre abbia partecipato come espositore a 25 edizioni di Fieracavalli, ha ribadito la centralità della manifestazione: «Questa fiera è strategica per un settore trasversale che riunisce allevamento, turismo e sport - ha commentato - Il comparto equestre ha una lunga storia e tradizioni che vanno coltivate e anche per questo l'ippica ha bisogno di una grande riforma strutturale nel nostro Paese per essere pronta ad affrontare le sfide del futuro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E domani sarà l'ultimo giorno di questo grande evento fieristico, che ha radunato a Verona i più importanti marchi made in Italy e internazionali di articoli e attrezzature per l'equitazione e la cura del cavallo: dalle scuderie, all'abbigliamento, fino a mangimi e prodotti di veterinaria.
Sono, infatti, oltre 750 le aziende provenienti da 25 nazioni posizionate sui 25mila metri quadrati espositivi netti. Ed è fitta l'agenda di incontri b2b per gli oltre 50 top buyer selezionati ed arrivati da 18 paesi, grazie al programma di incoming.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento