Confcommercio: «L'aumento dell'Iva costerà 600 euro ad ogni veronese»

Preoccupata anche la Cisl, mentre il Codacons lancia uno sciopero dei consumatori a livello nazionale per il prossimo 8 settembre

Immagine generica

Non prendere la macchina ed evitare acquisti, se non per estrema necessità, e tenere la televisione spenta per almeno tre ore. Il Codacons ha lanciato a livello nazionale uno sciopero dei consumatori per il prossimo 8 settembre. Il motivo della protesta è il temuto aumento dell'Iva, che potrebbe scattare come clausola di salvaguardia dei conti pubblici.
L'Iva è l'imposta sul valore aggiunto, ovvero la tassa che tutti i cittadini pagano quando fanno un acquisto, ed è attualmente al 22%, ma potrebbe salire al 25% già dal prossimo anno per garantire entrate sicure allo Stato Italiano, che in questo modo terrebbe in piedi il proprio bilancio agli occhi dell'Unione Europea. Il rovescio della medaglia è che queste "entrate sicure", le pagheranno tutti i consumatori, poveri e ricchi, in modo secco ed indistinto. Per questo Codacons ha deciso di protestare, chiedendo l'impegno a tutte le forze politiche di adoperarsi per evitare l'aumento dell'Iva.

Un aumento che anche le categorie economiche e sindacali vorrebbero evitare. Il presidente di Confcommercio Verona, Paolo Arena, sentito da Enrico Santi de L'Arena, ha stimato che con l'Iva al 25% ogni veronese pagherà circa 600 euro in più in un anno. Se tutto costerà di più, gli acquisti diminuiranno e questo danneggerà i commercianti. Ma saranno danneggiati, secondo Arena, anche gli operatori del turismo, perché non potranno più offrire prezzi competitivi sul mercato, spostando i potenziali vacanzieri su altre destinazioni più economiche.
Ed anche il segretario generali della Cisl di Verona Massimo Castellini è preoccupato perché gli stipendi dei lavoratori rimarranno gli stessi, ma il costo della vita aumenterà. Inoltre, una contrazione dei consumi porterà a meno guadagni per le attività economiche, le quali potrebbero quindi decidere di licenziare i dipendenti che non sono più in grado di stipendiare.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • Mercato immobiliare sul Lago di Garda: Peschiera al primo posto

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

  • Tatuaggi intelligenti: una nuova tecnologia per monitorare la salute

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Donna fermata mentre va al lavoro da un giovane che le mostra i genitali

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento