Amazon a Verona, Confcommercio: «E-commerce da regolamentare»

Al presidente della Confcommercio di Verona Paolo Arena non dispiace l'arrivo del colosso del web in Zai, ma chiede maggiori tutele per i negozi fisici

Centro di distribuzione Amazon (Fermo immagine video Youtube)

La scelta di Amazon e Zalando di aprire hub a Verona e Nogarole Rocca conferma l'importanza strategica del territorio scaligero sul fronte logistico e distributivo e rappresenta un valore in termini di investimenti e sviluppo occupazionale ma, nello stesso tempo, impone una seria riflessione sulla necessità di regolamentare adeguatamente l'e-commerce per tutelare i negozi fisici garantendo il pluralismo commerciale.

È stato questo il commento del presidente della Confcommercio di Verona Paolo Arena sulle recenti novità che riguardano la provincia scaligera. Amazon è prossima a realizzare un nuovo deposito di smistamento in Zai a Verona, un insediamento che si aggiunge al centro di distribuzione di un altro big del commercio online, Zalando, pronto a iniziare a operare a Pradelle di Nogarole Rocca, ai confini con il Mantovano. «La logistica sta consolidando il proprio ruolo di punta nel sistema economico veronese, territorio che beneficia di una posizione strategica per i traffici europei - ha puntualizzato Arena - e queste operazioni sono sicuramente da salutare con favore per le risorse investite e l'indotto che ne deriva. Tuttavia, la proliferazione dei big dell'e-commerce non deve mettere a repentaglio il tessuto distributivo attualmente esistente. Il commercio tradizionale deve fare suo l'e-commerce, ma per l'e-commerce servono più regole: l'attuale normativa richiede un profondo ripensamento. Confcommercio ha chiesto da tempo l'introduzione della web tax perché i colossi del web devono stare nello stesso mercato con le stesse regole e con le stesse imposte delle altre attività. Non va bene che un negozio di vicinato o un piccolo ristorante debbano pagare una miriade di tasse mentre alcune multinazionali pagano poco o nulla. La nostra posizione è e rimane quella di favorire uno sviluppo equilibrato tra le varie forme distributive, per assecondare le esigenze di vari tipi di consumatori».
«Il ruolo del negozio fisico resta fondamentale - ha concluso Nicola Dal Dosso, direttore generale di Confcommercio Verona - e la nostra associazione sta supportando le aziende che ancora non utilizzano le nuove tecnologie affinché si inseriscano intelligentemente in questo filone, senza esserne travolte. Ma allo stesso tempo vanno posti dei paletti per impedire che l'ondata del "virtuale" spazzi via i punti vendita di varie forme e tipologie che presidiano e danno vita ai nostri centri urbani: ne va del futuro delle nostre città, oltre che delle nostre imprese».

E i timori di Confcommercio si pongono in parallelo a quelli espressi in questi giorni che seguono l'annuncio dell'arrivo di Amazon in via Righi, nell'ex calzaturificio Antonini. Gli altri timori riguardano soprattutto la viabilità a Verona Sud che potrebbe complicarsi con l'arrivo del nuovo hub di Amazon.

La Zai è e rimarrà una giungla, un puzzle multiforne, disorganico e disordinato in cui è l'iniziativa economica privata che trasforma il territorio - hanno commentato i consiglieri del Partito Democratico in quinta circoscrizione Giorgio Bonanomi, Michele Bresaola e Sara Facci, insieme alla segretaria del circolo PD Camilla Mariotto - L'area dell'ex calzaturificio Antonini era stata pianificata dal piano degli interventi del 2011 per divenire un mix di terziario, residenziale e commerciale. L'apposita scheda norma, poi decaduta, è stata sostituita con il progetto di Amazon che mantiene la destinazione urbanistica a produttivo. Ci si chiede se ci sia un autorità pubblica che amministra il territorio, poiché pare che invece essa non governi il territorio, bensì segua le tendenze del mercato e della finanza, cercando un compromesso. E ben poco importa se i mezzi della nuova struttura Amazon appesantiranno il cardo massimo di viale delle Nazioni e se la struttura è completamente sguarnita di aree verdi e piste ciclabili.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • I 7 segreti per un'abbronzatura perfetta anche dopo le vacanze

  • Abito sottoveste: il capo must have che non passa mai di moda

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Una meteora solca i cieli di Verona: il video girato a Borgo Trento

  • Jeremy Wade pronto a svelare il mistero di "Bennie", il mostro del lago di Garda

  • Turismo a Verona, Tosi: «In calo. L'assessore Briani ammetta le sue colpe»

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

  • La donna non cede al ricatto e lui pubblica sui social le sue immagini "hot"

Torna su
VeronaSera è in caricamento