Accordo sulla Glaxo: non si delocalizza, si mantiene il livello occupazionale

L'intesa è stata trovata durante un incontro tra Regione Veneto, sindacati e vertici della GlaxoSmithKline Italia. Una garanzia per chi lavora alla Glaxo Manufacturing, sito che l'azienda vuole vendere

Ieri, 12 luglio, a Venezia si è tenuto un importante incontro tra Regione Veneto, sindacati e vertici della GlaxoSmithKline Italia. Un incontro importante per il risultato che è stato ottenuto e che è stato riportato da TgVerona. Da tempo, ormai, circa 270 lavoratori della Glaxo sono preoccupati per il loro posto di lavoro, manifestandolo anche attraverso proteste e scioperi. Tutto nasce dalla volontà di Gsk di vendere il sito produttivo della Glaxo Manufacturing di Verona, dove si producono cefalosporine. I dipendenti temevano che l'acquirente avrebbe potuto ridimensionare il sito produttivo, se non addirittura spostarlo, lasciando così tutti senza lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intesa trovata ieri in Regione risponde proprio alle preoccupazioni dei lavoratori e impegna il potenziale nuovo acquirente a non delocalizzare e a mantenere gli attuali livelli occupazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Coronavirus a Verona: 25 nuovi casi e 4 decessi in poche ore, ma diminuiscono i "positivi"

Torna su
VeronaSera è in caricamento