Le ricette della tradizione veronese: spinaci di montagna

Com'è logico pensare, questo vegetale lo troveremo in natura principalmente nelle zone del Baldo e della Lessinia, dove viene spesso preparato come contorno per i secondi

Il nome scientifico di questa pianta è Chenopodium bonus-henricus L. e nel veronese possiamo trovarla con meno difficoltà nella zona del Baldo e della Lessinia. Usati soprattutto come contorni ai secondi piatti, gli spinaci selvatici possono anche essere utilizzati per la preparazione di alcuni primi. 

GLI INGREDIENTI: 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • 1 kg di foglie di spinaci selvatici; 
  • burro; 
  • sale. 

IL PROCEDIMENTO: Lavate le foglie e sbollentatele in poca acqua salata. Tenete la pentola coperta e il fuoco vivo perché gli spinaci di montagna mantengano il color verde intenso. Scolate le erbe e ripassatele in padella in burro spumeggiante e condite con una presa di sale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Scooter si schianta contro il guard rail nella notte: morto il conducente

Torna su
VeronaSera è in caricamento