Un dolce che profuma d'estate: Muffin alla pesca

Si dovrebbero servire sui pirottini, la particolare carta pieghettata che serve per servire i pasticcini. Ma ancor più indispensabili sono gli stampi in cui versare il composto

Per cuocerli è necessario avere lo stampo, che permetta al composto di crescere e di prendere la tipica forma di questo dolce. E se proprio si vuole fare bella figura, bisognerebbe anche avere i pirottini, vale a dire gli involucri di carta pieghettata che si usano per servire i pasticcini.

Per i pirottini si può anche chiudere un occhio. Gli stampi invece sono quasi indispensabili e fortunatamente, vista la straordinaria fortuna che hanno i muffin anche in Italia, sono facilmente reperibili.

Ma una volta che si hanno gli stampi, cosa versarci dentro? Ecco la ricetta per dei gustosi muffin alla pesca.

INGREDIENTI:

  • 70 grammi di farina
  • 20 grammi di fecola
  • 40 grammi di zucchero
  • 2 pesche
  • 2 uova
  • 20 grammi di amaretti
  • mezza bustina di lievito

PREPARAZIONE:

Frullare una pesca e tagliare a pezzi l'altra. Schiacciare gli amaretti per creare una granella. Rompere le uova, ma di una conservare solo il tuorlo. In un recipiente abbastanza grande montare l'uomo, il tuorlo e lo zucchero, poi aggiungere la pesca frullata, la farina e il lievito. Mescolare e aggiungere in seguito la granella degli amaretti e i pezzi di pesca. Gli stampi dei muffin vanno prima imburrati e infarinati, poi ci si può versare l'impasto e metterli in forno per 25 minuti ad una temperatura di 170 gradi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento