I dolci della tradizione veronese: i tipici "rofioi" di Sanguinetto

Il nome deriva probabilmente da "ravioli" a cui assomigliano. Sono nati in una contrada del Comune per la festa del Santo Nome di Maria. Venivano preparati la sera prima e appesi durante la notte

La ricetta che ancora oggi si usa è datata 1931, ma i rofioi nascono prima, nella seconda metà del IXX° secolo in una delle quattro contrade di Sanguinetto. Questi dolci sono nati per una festa particolare quella del 12 settembre, il Santo Nome di Maria. Venivano preparati il giorno prima e venivano appesi durante la notte, così che i bambini del paese potessero trovarli quasi magicamente nel mattino della festa

Il loro nome deriva probabilmente dalla parola "ravioli" per la loro forma. Sono effettivamente dei ravioli dolci e fritti, il cui ripieno originariamente era un segreto. Ora però non lo è più ed è questa la ricetta originale dei tipici rofioi di Sanguinetto:

INGREDIENTI PER L'IMPASTO:

  • 500 grammi di farina 00
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 uova
  • mezzo bicchiere di latte
  • sale
  • zucchero a velo
  • olio per friggere

INGREDIENTI PER IL RIPIENO:

  • 200 grammi di amaretti
  • 200 grammi di mandorle senza buccia
  • 5 cucchiai di marmellata di susine
  • 100 grammi di zucchero
  • mezzo bicchiere di grappa

PROCEDIMENTO:

Prima preparare il ripieno, frullando amaretti e mandorle ed amalgamandoli in un recipiente con il resto degli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido. Poi si passa all'impasto. Rompere le uova e versarle al centro di una montagnola di farina, aggiungere latte, sale e zucchero e impastare. Una volta amalgamato il tutto, stendere l'impasto molto sottile e tagliare la sfoglia a quadratini di circa 5 cm per lato. Al centro di ogni quadratino mettere un cucchiaino di ripieno, chiudendoli poi a forma di triangolo. I rofioi vanno poi fritti in abbondante olio fino a quando non sono dorati e poi lasciati freddare sulla carta assorbende con sopra un po' di zucchero a velo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento