Vigasio, bracciante trovato morto in casa con la lama di un coltello nel petto

A trovarlo sul letto è stata la moglie che ha chiamato il 118. I sanitari hanno poi allertato i carabinieri che indagano a tutto campo per capire se si tratti di un suicidio o di un omicidio

Sul letto, sdraiato sulla schiena e con una coltello piantato nel petto. Così una donna ha trovato sabato sera, 14 luglio, suo marito in casa, in corso Vittorio Emanuele II a Vigasio. L'uomo è un cittadino rumeno, padre di tre figli, in Italia per motivi lavorativi. Era un bracciante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna ha subito chiamato il 118, ma i sanitari non hanno potuto fare altre che accertare il decesso dell'uomo. È stato il 118 a dare poi l'allarme ai carabinieri. Sul posto sono intervenuti gli uomini della stazione di Vigasio, quelli del nucleo operativo e radiomobile di Villafranca e la scientifica di Verona. L'indagine procede a tutto campo e si attende l'esito dell'autopsia per capire se si tratti di un caso di omicidio oppure di un suicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • Esce di strada da solo, inutili i soccorsi: morto motociclista dopo l'incidente

Torna su
VeronaSera è in caricamento