Verona, Tosi e l'ordinanza per sparare ai lupi. Contro di lui scatta denuncia per istigazione a delinquere

Reazioni durissime sul sindaco di Verona: Il segretario del Partito animalista europeo in Procura: "Infanga la fascia tricolore che indossa. Dichiarazioni gravi visto che a venire minacciata è una specie protetta e inclusa nella lista delle minacciate"

Foto web

Le sue dichiarazioni in Consiglio comunale a Velo Veronese non sono certo passate inosservate. C'è ancora il sindaco Tosi sulla bocca di tutti. A poche ore dall'annuncio di un'ordinanza speciale per "sparare" ai lupi che si avvicinano alle case delle periferie montane nel territorio di Verona, sono piovute una serie di reazioni. Dalla politica e dalle associazioni animaliste. Una di queste, il "Partito animalista europeo", ha annunciato di aver agito contro il sindaco veronese. Giovedì mattina sarebbe infatti stato segnalato alla Procura della Repubblica dal segretario nazionale, Enrico Rizzi, che ha firmato un atto di denuncia nei suoi confronti. L'accusa è di istigazione a delinquere. Rizzi non ci va certo leggero: "La condotta di questo soggetto che infanga la fascia tricolore che indossa è resa ancora più grave dal fatto che a venire minacciata è una specie, quella del lupo, protetta ed inclusa nella Lista Rossa delle specie minacciate dell'Unione internazionale per la conservazione della natura e delle risorse naturali".

FAMIGLIE SICURE DAI PREDATORI, TOSI ALZA IL TIRO: "SPARATE AI LUPI VICINI"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua Rizzi: "Ora, di là dall’evidente mancanza di senso civico di chi ha probabilmente dimenticato di rivestire il ruolo di primo cittadino, è evidente che nelle scellerate parole del sindaco Tosi emerge in maniera chiara la commissione del delitto di cui all’articolo 414 del Codice penale riguardante l'istigazione a delinquere, sia nella forma consumata che in quella eventuale del tentativo. Pare proprio che il Tosi abbia voluto istigare alla commissione di un’ipotesi di reato ben precisa, diretta a sanzionare penalmente l’uccisione di animali ".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento