Verona, sorpreso a rubare rame dai capannoni ingaggia inseguimento: lui in bici, carabinieri in auto

La fuga del 50enne veronese, pregiudicato, è durata pochi metri. Era stato beccato a sfilare cavi di metallo dall'impianto elettrico di uno stabilimento industriale in localitùà Porto Vecchio di Peschiera

Qualcuno ci riesce e si porta via quijntali di metallo che poi rivende. Altri non sono così fortunati e vengono beccati nel pieno del furto. Altri ancora non preparano adeguate vie di fuga. I carabinieri di Peschiera del Garda, giovedì notte, verso le 2, hanno sorpreso e tratto in arresto un 50enne veronese pregiudicato, colto in flagranza di reato di furto aggravato di cavi di rame. I militari sono prontamente intervenuti mentre il ladro era intento a sfilare diverse decine di metri di cavi contenente ”oro rosso” dall’impianto elettrico di un capannone industriale in località Porto Vecchio di Peschiera.

La fuga dell’individuo è durata pochi metri, non potendo competere, la sua mountain bike, con l’autoradio dell’Arma. Venerdì mattina in sede di rito direttissimo svolto nelle aule del tribunale di Verona, l’arresto è stato convalidato e all’autore del furto è stata comminata la pena di nove mesi di reclusione, sospesa con remissione in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento