Verona, sfrutta la ressa della fiera per rubare vestiti al centro commerciale: nei guai un 25enne

La manifestazione, che ha riscosso un buon successo per numero di visitatori, ha comunque indotto qualche malintenzionato a cogliere l'occasione per i propri intenti poco civili. Ivoriano finisce in manette

Intensa attività di prevenzione quella svolta dai carabinieri di San Bonifacio in occasione della “31esima Fiera Est-Veronese Produce” , svoltasi tra i l 24 ed il 27 Aprile nel centro cittadino. La manifestazione, che ha riscosso un buon successo per numero di visitatori, ha comunque indotto qualche malintenzionato a cogliere l’occasione per i propri intenti poco civili.

In particolare, nel primo pomeriggio del 25 aprile, i militari della stazione di Colognola ai Colli hanno tratto in arresto, per furto aggravato, un cittadino della Costa D’Avorio di 25 anni il quale, poco prima, all’interno del centro commerciale di via Sorte, aveva asportato da un negozio diversi capi di abbigliamento ai quali aveva precedentemente rimosso le placche antitaccheggio. Poi li aveva nascostiall’interno di una borsa, oltrepassando la barriera delle casse senza pagare. L’immediata attivazione della sorveglianza ha quindi consentito ai carabinieri di andare a colpo sicuro.

"L’evento fieristico - ha spiegato il capitano Salvatore Vilona, comandante della Compagnia dei carabinieri di San Bonifacio -. ha chiaramente richiesto un consistente dispiegamento di forze in campo. La mole dei controlli svolti, sia nell’area adibita a fiera all’interno del parcheggio Palù che in quelle destinate a parcheggio autovetture, ha consentito di prevenire episodi di danneggiamenti o furti di ogni genere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ALL'OSPEDALE - Carabinieri di San Bonifacio attivi anche all'ospedale "Fracastoro" per cercare di riportare alla ragione un ubriaco che, fuori di se', si era scagliato contro le porte e i vetri del Pronto soccorso. L'allarme è arrivato al 112 alle 5e45 di domenica mattina, dopo che un cittadino tunisino di 30 anni aveva dato in escandescenze e in preda alla furia alcolica aveva divelto una porta degli ambulatori e aveva rotto a calci e pugni il vetro antisfondamento che divide le sezioni del punto di intervento. All'arrivo dei militari veronesi, fortunatamente, il giovane si era già calmato e non ha opposto alcuna resistenza all'arresto. E' stato denunciato per il reato di danneggiamento aggravato: dopo la convalida è stato rimesso in libertà con obbligo di firma quotidiana in caserma, in attesa del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

Torna su
VeronaSera è in caricamento