Verona, scontri Bologna: polizia in casa dei tifosi Hellas. Cinque arrestati VIDEO

Agenti della Digos perquisiscono le abitazioni di alcuni tifosi scaligeri dopo i tafferugli fuori dallo stadio Dall'Ara. Potrebbero essere arrestati dopo l'interrogatorio. Tre scaligeri sono all'ospedale con ferite

(Foto web)

La lunga coda degli scontri di Bologna arriva in città a Verona. Proseguono infatti le indagini per chiarire la dinamica esatta dei tafferugli tra opposte tifoserie scoppiati fuori dallo stadio "Dall'Ara" prima di Bologna-Hellas Verona, domenica scorsa. E la polizia fa la sua mossa. Perquisizioni sono state compiute nelle prime ore di martedì mattina, dalla Digos, nelle abitazioni di ultras del Verona. Cinque tifosi sono stati accompagnati negli uffici della Digos della Questura scaligera. Si tratta di quattro persone arrestate più una denunciata al termine degli accertamenti. L'unica denuncia, per ora, è toccata al 28enne che era rimasto ferito da una coltellata. Le ipotesi di reato sono di rissa pluriaggravata e possesso e lancio di oggetti contundenti, tipo bottiglie e bastoni. Gli arresti sono avvenuti anche sulla base dei riscontri successivi alla visione delle immagini degli scontri fornite alla Digos veronese dai colleghi di Bologna. Le perquisizioni della Digos sarebbero avvenute anche nel capoluogo emiliano. In corso dunque, "arresti differiti" disposti dopo l'esame dei filmati su quanto avvenuto. Non è ancora stato fornito il numero di tifosi interessati dalle misure.

La Questura ha confermato lunedì che lo scontro fra le due tifoserie è avvenuto dopo che i circa 700 tifosi veronesi arrivati in treno, che a bordo di alcuni bus venivano trasferiti dalla stazione allo stadio, all'altezza di via Don Sturzo, hanno costretto gli autisti ad aprire le porte e a farli scendere prima del previsto (sarebbero dovuti scendere in via Menabue, proprio a ridosso del Dall'Ara), per proseguire a piedi. In questo modo hanno incrociato alcuni ultras del Bologna e, nonostante l'intera zona fosse presidiata dalle forze dell'ordine, c'è stato il "contatto". Tre i tifosi, tutti veronesi, finiti all'ospedale con ferite da coltello e bottigliate. Il più grave, di 28 anni, ha riportato un taglio sul braccio sinistro, guaribile in 30 giorni. Ha negato di essere stato colpito: avrebbe infatti ammesso di essersi fatto male da solo.

BOLOGNA - HELLAS VERONA, FISCHIO D'INIZIO IN RITARDO PER SCONTRI TRA TIFOSI

Con qualche carica di alleggerimento, nei confronti dei sostenitori di entrambe le squadre, polizia e carabinieri sono poi riusciti a evitare ulteriori scontri. Alla fine della partita, i tifosi veronesi arrivati in treno sono stati scortati a bordo di bus fino alla stazione, da dove sono ripartiti alle 19e10. Su quanto è successo sono in corso accertamenti della Digos, che sta anche visionando i filmati fatti con le telecamere. Nei dintorni dello stadio sono state trovate e sequestrate alcune decine di bastoni e aste in legno di bandiere.

IL VIDEO DEI TAFFERUGLI FUORI DALLO STADIO DALL'ARA DI BOLOGNA

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento