Verona, scandalo Agec: i cinque dirigenti escono dal processo patteggiando. Faranno beneficenza

I dipendenti del'azienda comunale erano stati arrestati dalla guardia di finanza di Verona il 24 ottobre scorso e il 10 febbraio sono tornati al lavoro "demansionati" e alleggeriti di una parte dello stipendio

Si parla di “tempi record”. Arrestati a ottobre, rientrati al lavoro a febbraio “demansionati” e ora usciti dal processo. Ai cinque dipendenti Agec coinvolti nell’inchiesta sui presunti appalti pilotati è stato concesso il patteggiamento. Un via libera su cui ha posto il nulla-osta il giudice per le udienze preliminari, Laura Donati, sulla base dell’accordo che gli indagati avevano stretto con il pm Gennaro Ottaviano. Così per loro sono scattate pene tra i 18 e i 22 mesi. Giovanni Bianchi (1 anno e 11 mesi), Giorgia Cona e Alessia Confente (1 anno e 10 mesi), Davide Dusi e Luisa Fasoli (rispettivamente 1 anno e 6 mesi e 1 anno e 7 mesi). Confente e Dusi sono stati gli unici a presentarsi in aula per l’udienza ma per tutti è stata decretata la sospensione della pena. Il giudice ha deciso così anche per l’accordo di “riparazione” formulato dalle parti: 8500 euro in tutto che saranno donati all’associazione Abeo, associazione che si occupa della ricerca e dell’assistenza ai bambini affetti da malattie emopatiche.

I cinque dipendenti Agec, azienda comunale che si occupa delle farmacie, dei servizi cimiteriali, delle mense scolastiche e del patrimonio immobiliare, erano stati arrestati dalla guardia di finanza di Verona il 24 ottobre scorso assieme ad altri tre dirigenti (tra cui l’ex direttore generale Sandro Tartaglia) e un imprenditore altoatesino. Dopo un breve periodo agli arresti domiciliari, il 10 febbraio erano tornati in libertà e successivamente al lavoro nella sede Agec di via Noris (con mansioni differenti e minori responsabilità più ovviamente alla riduzione dello stipendio precedente: si parla di una busta paga alleggerita di quasi 1300 euro al mese). Ad aprile, come spiegano i quotidiani locali, invece riprenderà il processo a carico dei quattro imputati che non hanno scelto di patteggiare.

AGEC, COMINCIA IL PROCESSO: L'EX DG IN SILENZIO IN AULA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al centro dell’indagine la procedura di assegnazione degli appalti per i servizi di ristorazione nelle mense scolastiche nel triennio 2010-2013. Le accuse per una dirigente dell’Ufficio legale, Francesca Tagliaferro, quello ai Servizi istituzionali, Stefano Campedelli, sono di turbativa d’asta, falso in atto pubblico e rivelazione di segreti d’ufficio. Corruzione è l’ipotesi della Procura, invece, per Tartaglia e l’imprenditore Martin Klapfer, relativamente alla compravendita del 70% di un fondo (Fondo Frugose) in cambio di uno sconto di 83mila euro per l’acquisto di un appartamento a Bressanone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Esce di strada da solo, inutili i soccorsi: morto motociclista dopo l'incidente

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento