Verona, rissa con spranghe e coltelli tra bande di romeni. Uno ferito

Allarme dei residenti di via Roma al 112, martedì sera. Due fazioni, con 5 giovani ognuna, si sono affrontate con mazze e lame. All'arrivo dei carabinieri non era rimasto nessuno. Ignota la motivazione

Appuntamento in pieno centro, praticamente davanti al Comune, per darsele di santa ragione. Tutto sarebbe durato pochissimi minuti, un paio al massimo. Il parapiglia è avvenuto a San Giovanni Lupatoto, tra via Roma e piazzetta Umberto I, martedì sera verso le 21e30. A fronteggiarsi, secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, due gruppi di cittadini romeni. Entrambe le fazioni, composte da 4-5 persone ognuna di età compresa tra 20 e 25 anni, sarebbero state convinte di dare una sonora lezione all'altra. Tanto che durante la rissa sarebbero spuntate spranghe e coltelli. Forse una spedizione punitiva, di cui tuttavia non si conoscono ancora le motivazioni. Non si esclude abbia a che fare con il traffico di droga o per il "controllo del territorio". Possibile anche un semplice sgarbo.

Ad avere la peggio, in quei pochissimi attimi di delirio e di urla, è stato un solo giovane, finito all'ospedale con entrambi i gomiti fratturati e ferite di arma da taglio sulle braccia. A chiamare il 112 sono stati alcuni residenti, sorpresi dal trambusto in strada. Non hanno fatto a tempo a verificare cosa stava succedendo che le due squadre si erano dileguate. Inutile dunque l'intervento dei militari della stazione locale e del Nucleo radiomobile di Verona. Il ventenne ferito è corso al Pronto soccorso dell'ospedale di Legnago in completa autonomia per farsi curare. Al "Mater salutis" l'hanno poi raggiunto i carabinieri per raccoglierne la testimonianza. Per ora non ha aperto bocca. Nelle prossime ore gli investigatori cercheranno dunque di ricostruire l'intera vicenda.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Droga, cellulari, manette e armi in casa: 38enne della Bassa arrestato

Torna su
VeronaSera è in caricamento