Scatta il piano ad alta tecnologia del Comune di Verona per la lotta contro i topi in città

Attivo negli edifici comunali e nelle scuole il servizio specializzato di derattizzazione

Da oggi è attivo, in tutto il territorio cittadino, negli edifici comunali e nelle scuole, un nuovo servizio specializzato di derattizzazione. Il sistema, per quanto riguarda gli spazi aperti, si avvale di postazioni/esca numerate, mappate e georeferenziate. Questo permette di controllare la presenza dei roditori in base all’effettivo consumo delle esche presenti all’interno delle postazioni e di focalizzare gli interventi in precise aree, evitando la dispersione del veleno nell’ambiente.

Il servizio connette una rete costante di circa 700 postazioni nel territorio, con esche attive per un massimo di 6 settimane. Il controllo, che avviene settimanalmente, permette così di capire dove è necessario intervenire con i principi attivi della derattizzazione, escludendo le aree in cui non è necessario. La rete di trappole copre l’intero territorio comunale, ma i cittadini potranno segnalare eventuali avvistamenti di topi, richiedendo l’integrazione e l’aggiunto di nuove postazioni, chiamando il numero verde 800.984281 dell’azienda incaricata.

Per verificare la presenza di topi negli edifici e in luoghi particolarmente sensibili, come le scuole, si utilizzeranno invece radar, telecamere e radiotrasmettitori. Ad informare della cattura del topo sarà un sensore che invierà un apposito segnale quando il roditore sarà entrato nella trappola.

La nuova campagna è stata presentata, questa mattina a palazzo Barbieri, dalla consigliera con delega alla Tutela e Benessere degli animali Laura Bocchi. Presente il vicepresidente della commissione consiliare Temporanea per la Tutela degli Animali Gianmarco Padovani.

Bocchi_-_Padovani

«Questo servizio – ha detto la consigliera Bocchi – prevede un approccio moderno, razionale e sicuro al problema dei topi, il cui numero non risulta, tuttavia, in crescita in città. Grazie al nuovo bando vinto da una ditta specializzata, viene garantito un intervento potenziato e ad alta tecnologia che esclude l’uso a pioggia del veleno e, quindi, assicura una maggior tutela per le persone e per gli altri animali che potrebbe entrare in contatto accidentalmente con il veleno. Le trappole, su cui è previsto un controllo informatizzato, coprono l’interno territorio comunale ma c’è la possibilità di un’integrazione della copertura a chiamata, andando incontro alle richieste dei cittadini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il protocollo applicato – ha detto il consigliere Padovani – è scientifico e prevede che periodicamente venga sostituito il veleno, in modo da evitare le capacità di adattamento dei topi. In più, le pastiglie contengono un prodotto amaricante che induce l’immediato rigurgito in caso di ingestione accidentale, prima dell’entrata in funzione dell’esca».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento