Parentopoli, Finanza, assunzioni, dipendenti reintegrati ad Agec: Croce punta il dito

Incontro-evento davanti alla sede di via Noris dell'azienda comunale di Verona. L'ex presidente "defenestrato" da Tosi rilancia su tutti i temi caldi che hanno investito l'amministrazione. Con alcune testimonianze

Il sospetto che "lasciasse cadere" e subisse l'esposto di Agec nei suoi confronti in realtà non c'è mai stato. Michele Croce, ex presidente "defenestrato" dal sindaco Flavio Tosi dall'azienda comunale, negli ultimi mesi ha rilanciato su tutti i temi scottanti che hanno colpito l'amministrazione. Intervistato da "Report" e sui quotidiani locali, "accusatore" del presunto malaffare dal suo blog-periodico "Verona Pulita", Croce ha organizzato un incontro davanti alla sede Agec di via Noris per ribadire alcuni concetti "caldi", anche alla luce dei nuovi accadimenti, giudiziari e non. "Il presidente Galli Righi e la direttrice Motta - spiega Croce - hanno presentato all’Ordine degli avvocati un esposto nei miei confronti, ritenendomi colpevole di aver eccessivamente criticato la scelta di reintegrare i cinque dipendenti che hanno patteggiato pene da 1 anno e 6 mesi a 1 anno e 10 mesi. Perchè gli attuali vertici vogliono impedirmi di parlare, criticare, esprimere un giudizio?"

Croce entra nel merito delle sue critiche: "Agec non aveva alcun obbligo di reintegrarli, come ci spiega Gaetano Iannuzzi, del sindacato Uil di Verona. Anzi, proprio secondo il contratto nazionale vigente quei lavoratori infedeli avrebbero potuto essere licenziati". E sui lavoratori cimiteriali incalza, con una testimonianza diretta: "Ad oggi i 18 lavoratori assunti tramite l'agenzia InLavoro per l'appalto di Agec alla ditta Consortile Bonazzi-Csm, non hanno ancora ricevuto il Tfr 2013, la tredicesima e le mensilità di gennaio, febbraio e marzo. Uno di loro,  Piergiorgio Fraccari, ha cercato chiarezza e per tutta risposta è stato lasciato a casa, anche - presume Croce - “grazie” all’intervento di un dirigente di Agec".

L'ex presidente di Agec entra poi nella "spinosa" vicenda di presunti favoritismi legati alla Parentopoli veronese. "Promozioni e progressioni di carriera ben mirate, passate e recenti - spiega -. Come ad esempio quella che ha coinvolto la famiglia Legramandi. Lui, Stefano Legramandi, già presidente ed ora vice di Amia: assunto con la qualifica di operaio e rimasto al quarto livello per oltre venti anni, ma dopo che è stato nominato dal sindaco presidente di Amia ha goduto di una formidabile progressione in Agec tanto da arrivare all’ottavo livello, responsabile dell'Ufficio relazioni con il pubblico". Punta il dito Croce: "Ma Legramandi non ha specializzazioni e nessun titolo di studio legato a quel tipo di lavoro. Inoltre la moglie, proposta dalla neo direttrice di salire dal sesto all’ottavo livello (come funzionario e capo sezione dei Servizi Inquilinato). La sorella della moglie è stata assunta in Amia quando il fratello era presidente".

Agec e ancora Agec, nel mirino dell'avvocato fondatore di Verona Pulita: "Appena insediata la neo direttrice Motta ha stipulato un contratto di collaborazione con un giornalista per il ruolo di “addetto stampa”. Ma un giornalista c’era e c’è già in azienda, con titolo idoneo (pubblicista, come lo era l’ex direttore responsabile dell’agenzia stampa, Tartaglia), con esperienza specifica fuori e dentro l’azienda (fu addetto stampa a titolo gratuito con la presidenza Croce). Perché allora ricorrere ad un collaboratore esterno? Forse perché quest'ultimo aveva collaborato con me e per aver eseguito delle ispezioni all’anagrafe su incarico dell’allora presidente all’epoca dei famosi esposti, era stato “sanzionato” (un’ora di multa) dal direttore Tartaglia?".

E infine la richiesta di chiarimenti sulle nuove ispezioni della guardia di finanza di Verona: "E' tornata più volte nelle ultime settimane in Agec. Perché Galli Righi e Motta non spiegano ai veronesi i motivi? Che documenti sono venuti a sequestrare? Cosa hanno da nascondere? Ci sono degli indagati tra i lavoratori e imprenditori che lavorano per Agec? Chi sono?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vivevano alle spalle della coppia e facevano prostituire la donna: arrestati

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

Torna su
VeronaSera è in caricamento