Verona, operaia disoccupata 50enne trova portafoglio con 2400 euro e lo restituisce

Sorpresa da infarto per la veronese in compagnia della figlia. L'accessorio da uomo era stato smarrito all'uscita del teatro Salieri di Legnago. All'una di notte ha scelto di consegnarlo ai carabinieri

Ha pensato che quei soldi persi per la strada, in contanti, avrebbero fatto la differenza per l’intera famiglia a cui appartenevano. Lei, ex operaia 50enne di Terranegra, frazione di Legnago, ha così messo da parte le proprie difficoltà e i propri pensieri per restituire quei 2400 euro ai carabinieri della stazione locale. Con la speranza, ovviamente, che i legittimi proprietari del denaro si potessero rivolgere a loro per riaverli indietro. L’esitazione, evidentemente, c’è stata, ma solo per un attimo. Poi la donna, disoccupata in mobilità, due figlie adolescenti e un marito agente di commercio con qualche difficoltà per la crisi, ha deciso di far rotta verso la caserma legnaghese.

Il portafoglio è stato ritrovato poco distante dalla porta d’uscita del teatro Salieri: si tratta di un portafoglio da uomo, di piccole dimensioni, pieno di banconote da 50, 100 e 200 euro. Non solo. Come spiega L’Arena, il portamonete conteneva carte di credito e bancomat con relativi codici, oltre che i documenti. Una serata spensierata in compagnia della figlia, a teatro per vedere “La vedova allegra”, si è trasformata in un ricordo indelebile. Era l’una di notte quando ha suonato alla caserma dei carabinieri e ha consegnato l’accessorio ritrovato. Come racconta il quotidiano locale, la donna era stata allo spettacolo grazie ai biglietti regalati dai genitori:

“Al termine dello spettacolo, quando stavamo lasciando la platea, ho urtato con il piede qualcosa, che ho poi scoperto essere un portafoglio. Inizialmente mi sono fatta persino scrupolo a prenderlo in mano. Poi, vedendo che non c´era nessuno e che qualcuno poteva trovarsi in difficoltà per la perdita dei documenti, l´ho raccolto e la sorpresa è stata davvero enorme” … “non volevo credere ai miei occhi. E subito il pensiero è corso a tutto quello che avrei potuto fare con 2.400 euro in tasca, visto che da un paio d´anni la crisi ha sconvolto letteralmente la nostra esistenza di persone normali, che vivevano serenamente e potevano togliersi persino qualche soddisfazione”

La donna, operaia in una fabbrica di Cherubione per vent’anni, ha perso il posto di lavoro nel 2013. La crisi non ha risparmiato la sua azienda e ora si trova in mobilità. Dopo aver consultato la famiglia ha deciso di correre dai carabinieri e consegnare il portafoglio. La mattina dopo è stato lo stesso proprietario a chiamare la donna. L’ha ringraziata e le ha annunciato una visita. La ricompensa, ovviamente, sarebbe ben accetta, anche se la speranza maggiore sarà quella di tornare a lavorare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

  • Verona e le sue bellezze storiche e culturali approdano in tv sulla Rai

  • Aveva un tumore al collo, neonata operata durante il parto a Verona

  • Una persona travolta da un treno a Verona: sospeso il traffico ferroviario

Torna su
VeronaSera è in caricamento