Verona, maltempo e allagamenti: il governo sospende le tasse per i cittadini di 33 comuni

Da Villafranca a Caprino, passando per Soave. Stop ai pagamenti fino al 31 ottobre 2014 per i territori colpiti dagli eventi atmosferici di gennaio e febbraio. Validità per le persone e anche per le imprese

Per 33 comuni del Veronese (350 in tutto il Veneto) colpiti dagli eventi atmosferici di gennaio e febbraio è stata disposta la sospensione dei versamenti e delle tasse fino al 31 ottobre 2014. A darne notizia, dopo aver ricevuto comunicazione ufficiale, è stato il presidente della Regione, Luca Zaia, a Palazzo Balbi al termine della seduta di giunta. "L'applicazione dei benefici - è riportato nel decreto legge adottato a gennaio per i Comuni della provincia di Modena e ora esteso al Veneto - è subordinata a specifica richiesta del contribuente, che dichiari l'inagibilità, anche temporanea, della casa di abitazione, dello studio professionale, dell'azienda o dei terreni agricoli, nonché alla successiva verifica volta dall'autorità comunale del nesso di causalità tra l'evento e la sopra indicata dichiarazione del contribuente".

CHI - Possono beneficiare di queste disposizioni urgenti, contenute nella legge di conversione di un decreto del governo, le persone e tutte le imprese che alla data del 30 gennaio scorso avevano la residenza o la sede operativa nel territorio del comuni individuati. “E’ un riconoscimento importante – ha sottolineato Zaia – perché costituisce comunque un’agevolazione per tutti i nostri territori che hanno subito l’impatto del maltempo. Anche per quelli della montagna interessati da eccezionali nevicate. Naturalmente resta confermato il dossier sui danni subiti che abbiamo trasmesso al governo e quello che ci aspettiamo ora è un provvedimento per gli indennizzi”.

COME - L’ammissione al beneficio è subordinata alla richiesta del contribuente che dichiari l’inagibilità, anche temporanea, della casa di abitazione, dello studio professionale, dell’azienda o dei terreni agricoli ed alla verifica dell’autorità comunale del nesso di causalità tra evento e dichiarazione del contribuente. Ciò significa che il beneficio non è concesso automaticamente a tutti i soggetti residenti o operanti nei Comuni individuati, ma solo a chi ne faccia espressa richiesta, secondo le specifiche modalità stabilite dalle amministrazioni competenti (ad esempio Inps, Agenzia dell’Entrate), dimostrando l’inagibilità degli immobili.

COSA - L’intervento agevolativo prevede la sospensione per i versamenti e le tasse, inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, scadenti nel periodo compreso tra il 17 gennaio ed il 31 ottobre 2014; per gli adempimenti e i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria; per la notifica delle cartelle di pagamento e per la riscossione delle somme; per gli adempimenti verso le amministrazioni pubbliche effettuati o a carico di professionisti, consulenti e centri di assistenza fiscale che abbiano sede o operino nei territori coinvolti dagli eventi alluvionali, anche per conto di aziende e clienti non operanti nel territorio, nonché di società di servizi e di persone in cui i soci residenti nel territori colpiti dall’alluvione rappresentino almeno il 50 percento del capitale sociale. Inoltre, è previsto che i titolari di mutui relativi a edifici distrutti o inagibili, anche parzialmente, o all’attività di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici, hanno diritto a chiedere alla banche o agli intermediari finanziari la sospensione, fino al 31 dicembre 2014, delle rate.

DOVE - Tasse sospese ad Angiari, Arcole, Badia Calavena, Bevilacqua, Brentino Belluno, Brenzone, Caprino Veronese, Castagnaro, Castel d'Azzano, Cazzano di Tramigna, Cologna Veneta, Fumane, Gazzo Veronese, Grezzana, Isola Rizza, Minerbe, Montecchia di Crosara, Negrar, Nogara, Povegliano Veronese, Roncà, Roverchiara, Roverè Veronese, San Giovanni Ilarione, San Martino Buon Albergo, San Mauro di Saline, San Pietro di Morubio, Soave, Terrazzo, Tregnago, Valeggio sul Mincio, Velo Veronese, Vestenanova, Villafranca di Verona e Zimella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

Torna su
VeronaSera è in caricamento