Verona, luminarie e addobbi: il centro storico illuminato a metà. I negozianti non pagano

Non tutti versano la quota di 100 euro stabilita come "contributo" per gli allestimenti. Il Comune accende solo le strade in cui hanno aderito almeno il 40% degli esercenti. E molte rimarrano dunque al buio

Foto web

A far capire in modo chiaro la situazione è via Stella. Metà sarà addobbata a Natale, con luminarie e atmosfera festosa, mentre l'altra metà sarà spenta, così com'è ora. L'intenzione dei commercianti è quella di risparmiare, ma probabilmente anche quella di lanciare "un messaggio" all'amministrazione comunale. Per tutta risposta, il Comune, che chiama "contributo per le luminarie" quei 100 euro interamente deducibili e chiesti ai negozianti, accenderà solo metà Verona. Il bilancio dei commercianti che hanno aderito all'iniziativa è infatti alquanto triste. E dalle 20e30 di mercoledì 4 dicembre, data del "switch on" delle luci di Natale, la città farà parlare di sé, nelle serate di festa. Zone spoglie e buie e altre che saranno una gioia per gli occhi.

IN CENTRO - In ogni caso è al tramonto quell'aria di Natale che faceva di Verona una delle più belle mete turistiche, italiane ed europee, del periodo. I tempi in cui il centro storico era illuminato pressoché interamente sembra un ricordo. Come spiega L'Arena, nel 2011 le strade illuminate erano state 54 (44 nel 2010), mentre i festeggiamenti del 2012 avevano visto un calo e solo 40 erano state le luminarie allestite. Lo stesso numero si attesta quest'anno. Ma alcune vie che erano illuminate in passato sono buie quest'anno, e viceversa. Quindi pollice su per le centralissime piazza Bra, via Mazzini, via Roma, via Cappello, corso Porta Borsari e Sant'Anastasia. Via Stella sorriderà di sera solo sulla metà che va dal vicolo a via Cappello. La parte fino a piazza Nogara resterà buia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'anno scorso i commercianti avevano già messo sull'avviso l'amministrazione comunale: piazza Erbe era rimasta accesa solo dei lampioni e delle vetrine dei negozi e dei bar. Anche corso Porta Nuova non aveva mostrato il meglio di se'. Una mancanza importante, dato che si tratta del vialone di accesso alla città per molti visitatori. Quest'anno la marcia si inverte, almeno per queste due location: piazza Erbe andrà illuminata con il sostegno di pochi commercianti di negozi e bancarelle e soprattutto con l'esborso del municipio. Corso Porta Nuova ha trovato uno sponsor d'eccezione, Burger King, che, trovato il suo posto sopra al parcheggio Arena, ha regalato gli addobbi per le querce dello stradone. Come spiega il quotidiano locale, il buio toccherà anche via IV Novembre. Questo per i motivi spiegati dall'assessore alle Atitvità commerciali, Enrico Corsi, e cioè che gli addobbi sono stati posizionati sulle vie in cui aveva aderito almeno il 40% dei commercianti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

  • Covid-19, nuova impennata di casi a Verona, ma prosegue il calo dei ricoveri

Torna su
VeronaSera è in caricamento