Verona, rubare profumi non passa mai di moda: tre 20enni arrestati al Galassia

Erano "in trasferta" dal Padovano. In manette per furto aggravato ai danni delle profumerie del centro commerciale di Legnago. La vigilanza li ferma e chiama i carabinieri. Denunciati e rimessi in libertà

I profumi non scendono mai di moda. E così nemmeno i ladri nei negozi dei centri commerciali. I carabinieri di Legnago sono riusciti nelle scorse ore ad arrestare tre giovani marocchini, tutti residenti nel Padovano, che avevano pensato di fare "giornata" in trasferta nel Veronese. Si erano fatti notare mentre girovagavano, verso le 20, nelle profumerie del centro commerciale "Galassia" di via Mantova, alle porte del capoluogo della Bassa. "Sospetti" fin da subito, agli occhi dei commessi, che hanno avvertito la vigilanza. Gli addetti li hanno così seguiti fino all'uscita ed è scattata la perquisizione personale. Nascosti nei giubboni sono state scoperte diverse confezioni di profumo da uomo, per un valore totale di 300 euro. erano riusciti a trafugarle strappando la placca antifurto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La pattuglia dei carabinieri del Nucleo radiomobile di Legnago, giunta sul posto, li ha così presi in consegna e dopo gli accertamenti di rito sono stati rinchiusi nella cella di sicurezza della caserma. Si tratta di tre ragazzi senza lavoro di origine marocchina, di 27, 21 e 25 anni, due dei quali irregolari e senza fissa dimora in Italia ma di base a Solesino (Padova) e il terzo residente regolarmente a Masi (Padova). Per loro è scattata l'accusa di furto aggravato. Durante l'udienza di convalida dell'arresto, avvenuta mercoledì mattina, hanno patteggiato una pena di 4 mesi e una multa di 300 euro a testa. Sono stati denunciati e rimessi in libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento