Verona, ingresso cortile di Giulietta spostato e a pagamento: così cambia la maggiore attrazione in città

Dovesse essere approvata definitivamente la proposta in Comune, l'entrata avverrà da piazzetta Navona (teatro Nuovo) e non più da via Cappello. Con lo spostamento però arriveranno anche le novità dei ticket: 2,5 euro

E’ in dirittura di arrivo in giunta comunale la proposta per spostare l’accesso del cortile della Casa di Giulietta in piazzetta Navona. Dovesse essere approvata definitivamente, l’entrata alla maggiore attrazione turistica veronese avverrà da uno degli ingressi del teatro Nuovo e non più da via Cappello. Con lo spostamento però arriveranno anche novità: non solo alla Casa ma anche per il cortile si pagherà un ticket di ingresso che dovrebbe essere fissato come da intenzioni sui 2,5 euro. Un biglietto unico potrà garantire i due ingressi a 6-8 euro. Questo almeno quanto presentato dalla Fondazione “Atlantide” al Comune di Verona. Tuttavia, come spiega il Corriere Veneto, la decisione è stata costellata di numerose polemiche: altri grattacapi per l’amministrazione di Flavio Tosi.

Un'associazione privata aveva chiesto di realizzare anche qui una piccola «rivoluzione», ma la proposta sembra essere stata accantonata, almeno per ora. Sullo spostamento dell'ingresso al cortile, come è noto, alcuni condòmini stanno peraltro portando avanti una causa contro il Comune.

In gioco ci sono interessi notevolissimi. Per il solo accesso alla casa di Giulietta, infatti, le entrate sono di oltre 350mila euro l'anno: ma nel cortile, e allo strofinamento di quel seno, gli accessi si contano a milioni. Di qui la (comprensibile) richiesta dei condòmini (titolari dei negozi nonché del lussuoso relais) di ottenere anche loro una fettina della torta. Tra gli argomenti usati dai loro legali, quello per cui i condòmini hanno sempre pagato regolarmente in tutti questi anni le spese di salvaguardia dell'edificio, a partire da quelle per il restauro della facciata su via Cappello.

Su questa diatriba, nelle scorse settimane, la giunta comunale aveva chiesto anche un parere al «consulente principe» di Palazzo Barbieri in materia legale, l'avvocato Giovanni Sala. Ed il parere era stato un rassicurante «si può fare».

Su piazzetta Navona troverà posto la cassa e l’ingresso alle toilettes del teatro. Attraverso un corridoio “a tema”, si avrà accesso al cortile, alla statua di Giulietta per l’immancabile foto toccando il seno e alla Casa vera e propria. All’interno della proposta di “Atlantide”, c’è l’impegno alla realizzazione di un percorso mussale che accompagnerà i visitatori al balcone.

CASA DI GIULIETTA, PROPOSTE DEI PRIVATI PER LA GESTIONE DELL'ATTRAZIONE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento