Verona, giovedì 21 novembre la campanella d'inizio di Job&Orienta: licei in ascesa

Si apre in Fiera a Verona il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, in programma fino a sabato 23. Analisi degli istituti migliori per quanto riguarda l'alternanza scuola-lavoro come didattica

Si apre giovedì 21 novembre "Job&Orienta", il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, in programma alla Fiera di Verona fino a sabato 23. L’evento, giunto alla 23esima edizione e promosso da VeronaFiere e Regione del Veneto, sarà quest’anno incentrato sul tema “Trovare lavoro a scuola”: nei tre giorni si parlerà della necessità di rafforzare il ruolo della scuola come soggetto attivo del mercato del lavoro, di valorizzare già tra i banchi la formazione in assetto lavorativo, infine di potenziare ogni canale e strumento utile a orientare i giovani nelle scelte formative e a supportarli nell’ingresso nel mondo del lavoro. Urgenze sempre più pressanti - alla luce dei desolanti dati nazionali sulla disoccupazione degli under 24, arrivata ormai al 40,4% (dati Istat settembre 2013) -, che sono state sancite come centrali anche dal “decreto scuola” approvato a inizio mese. Un decreto che ha reso finalmente l’orientamento attività didattica obbligatoria, stanziato fondi per implementare il sistema di alternanza scuola-lavoro, le attività di stage, il tirocinio, la didattica in laboratorio, e per la formazione dei docenti in tema di percorsi scuola-lavoro. A inaugurare la manifestazione l'intervento in videoconferenza del ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. Nel pomeriggio sarà ospite il ministro Maria Chiara Carrozza.

I DATI IN ANTEPRIMA - Se nell'anno scolastico 2012-13 il 45,6% delle scuole Superiori (3.177 su 6.972 censite) ha utilizzato l'alternanza scuola-lavoro come metodologia didattica per sviluppare le competenze previste dall'indirizzo di studi, sono i licei a far registrare, rispetto all'anno precedente, l'incremento maggiore: +57,6%. E anche per quanto riguarda il numero dei percorsi, il maggiore aumento riguarda i licei che fanno segnare un +41,8%. Sono alcuni dei dati che saranno presentati giovedì 21 novembre a "Job&Orienta". Il dato sui licei se non in termini numerici - restano, infatti, gli istituti professionali e tecnici i più propensi ad adottare l'alternanza scuola lavoro - é certamente significativo sul fronte della percentuale di aumento considerando che tradizionalmente i licei sono coinvolti a fatica in questo tipo di esperienze.

Dagli esiti del monitoraggio sull'alternanza scuola lavoro, realizzato dall'Indire, per conto del Miur, risulta che dei 3.177 istituti coinvolti nell'Asl, il 44,4% sono professionali, il 34,2% tecnici, il 20% licei, 1,5% altri istituti. Essi hanno realizzato 11.600 percorsi, di cui 7.783 (67,1%) negli istituti professionali, 2.556 (22%) negli istituti tecnici, 903 (7,8%) nei licei e 86 (lo 0,7%) in altri istituti. Hanno formato 227.886 studenti, pari all'8,7% della popolazione scolastica della scuola secondaria di secondo grado che sono stati accolti in 77.991 strutture, di cui il 58,2% (45.365) sono imprese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La manifestazione è a ingresso libero, previa registrazione online. Wi-fi libero e gratuito in tutta l’area espositiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Dramma in Transpolesana nella notte: un uomo trovato morto dopo malore alla guida

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Dolore a Pressana e Cologna per la morte di Arianna Fin, madre di due bimbe

  • Zoppicando attira l'attenzione dei carabinieri, aveva 19 dosi di eroina negli slip

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

Torna su
VeronaSera è in caricamento