Verona, famiglie più sicure? Il sindaco Tosi alza il tiro: "Sparate ai lupi". Reazioni: "È illegittimo"

Il primo cittadino ospite del Consiglio comunale di Velo Veronese indetto per parlare del tema. "Nel mio territorio ci sarà un'apposita ordinanza. Sta arrivano l'inverno. Non siamo sicuri per i bimbi che aspettano lo scuolabus"

Due lupi nel parco della Lessinia (Foto web)

Case sicure, bimbi distanti dai pericoli dei predatori. Sarà concesso sparare ai lupi. Lo permetterà un’apposita ordinanza del sindaco di Verona, Flavio Tosi, con la quale si mira a tutelare la salute pubblica. L’annuncio è stato dato durante il Consiglio comunale di Velo Veronese che all’ordine del giorno aveva proprio il tema dei problemi riguardanti i lupi sul territorio. Il sindaco Mario Varalta avrebbe lasciato aperto il dibattito a tutti. A quel punto, tra i cittadini presenti, è intervenuto Tosi, che è anche presidente regionale di Federcaccia. Con l’idea di Tosi si sfidano i regolamenti italiani ed europei in materia di grandi predatori. Se qualcuno dovesse impugnare l’ordinanza sarà battaglia per valutare quale diritto sia prevalente: quello della vita degli animali o della salute dei cittadini. Ma fino ad allora il tema verrà discusso e Tosi ha annunciato di voler inviare a tutti i colleghi primi cittadini una copia del modello che presto uscirà dal Comune di Verona. Come spiega su L’Arena

«Sapete tutti che Verona ha anche un territorio montano con le frazioni di Trezzolano, Cancello e Moruri. Io sono preoccupato per quando arriverà l'inverno. Non ci saranno più vacche in alpeggio e poca selvaggina nei boschi. Non sono tranquillo per i bambini che al mattino a bordo strada o alla sera al rientro dalla città aspettano lo scuolabus. Per questo ho dato mandato ai miei uffici di trovare il modo di fare un'ordinanza di tutela dei miei cittadini. Io sono responsabile della loro salute e della loro incolumità e siccome nessuno mi garantisce che il lupo non apprezzi anche questo tipo di prede, autorizzo l'abbattimento degli esemplari che si avvicinano ai centri abitati».

E intanto una proposta va Velo Veronese agli altri Comuni della Lessinia. Anche da Erbezzo, Bosco, Cerro, Roverè, San Mauro di Saline e Selva di Progno partiranno le richieste alla Regione: spostare i lupi dalla montagna veronese ad aree meno colonizzate dall’uomo e abbandonare il progetto europeo “Life WolfAlps”. Sostiene il sindaco Varalta che è una “favola” quella secondo cui il lupo è arrivato “da solo” dalla Slovenia e qui ha trovato la sua anima gemella con cui preparare le cucciolate. Sarebbe stato invece “portato” nel 2012 e già nel 2013 si sono verificati i primi disagi. Nel solo 2014 sarebbero stati 44 i capi di bestiame uccisi e feriti.

"LEGHISTI SCHIZOFRENICI" - Cominciano intanto a farsi sentire le prime reazioni. Il consigliere regionale (veronese) di Futuro Popolare, Stefano Valdegamberi spiega che "a Venezia la giunta leghista, su proposta dell'assessore alla Caccia, il tosiano Daniele Stival, propone l’adesione al progetto europeo per la reintroduzione dei lupi sulle nostre montagne e in Lessinia, dove i lupi stanno portando veri disagi e danni per gli allevatori, sono gli stessi che hanno votato il progetto in Giunta a tuonare contro i lupi, invitando a usare il fucile facile".

Continua Valdegmaberi: "Se si è veramente contrari e non si vuole fare l'ennesimo annuncio ad effetto si facciano due cose concrete: si revochi la delibera adottata e si prelevino questi animali dalla Lessinia, per portali altrove. Il resto sono solo chiacchiere. La Lessinia non è una prateria desolata e disabitata, nè un'immensa foresta. Nei pochi chilometri quadrati di questo territorio si concentra il 50% del patrimonio bovino e ovino della montagna veneta. Ci sono centinaia di stalle e di malghe: una concentrazione che non ha pari nel Veneto e nemmeno in Italia. Introdurre i lupi qui è come portarli all’interno di un grande recinto per gli animali, considerata la concentrazione di allevamenti. La convivenza, a mio avviso, è impossibile. Pertanto, da chi governa la Regione mi aspetto fatti e non sparate".

ORDINANZE ILLEGITTIME E PERICOLOSE" - Frecciate anche dal Partito Democratico, in Comune come dai rappresentanti in parlamento. "Nessuno nega che il problema sia vero e concreto - segnala Diego Zardini, componente della commissione Ambiente alla Camera -. Tuttavia il problema sotto un profilo scientifico non è di pericolo per le persone, visto che l'ultimo caso di attacco di un branco di lupi a umani risale al XVII secolo in Francia. Occorre però evitare sciocchezze come l'ipotesi di autorizzare a sparare su animali super protetti dalla legge, che per alcuni versi è istigazione a delinquere, con o senza ordinanze che sarebbero illegittime".

Parole condivise e rilanciate anche dai colleghi in Consiglio comunale, Lorenzo Dalai e Damiano Fermo: "Forse Tosi non sa che nei centri abitati non si può sparare e che la Lessinia non è Mosul. Ancora una volta la Lega diffonde paure per evitare di affrontare e risolvere i problemi. Il Pd concorda con le associazioni degli allevatori che per affrontare la questione lupi chiedono risarcimenti celeri e congrui e una serie di misure prudenziali che possono spaziare dal radiocollare ai capibranco alla recinzione degli ovili. Tutti questi avvoltoi della politica continuano a voler ignorare il semplice fatto che i lupi in Lessinia sono arrivati da soli, popolando il territorio come hanno fatto sull'arco alpino, dove sono presenti in circa 400 esemplari, e appenninico, dove ce ne sono altrettanti se non di più. Luoghi dai quali non ci è giunta notizia né di aggressioni all'uomo né anche solo di avvicinamenti".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (16)

  • Avatar anonimo di Tor
    Tor

    Invece perké non reintrodurre i medesimi in Aspromonte, sull'Etna e nelle Madonie (sud) ?? Almeno non si fa loro del male.

  • Avatar anonimo di Floriano
    Floriano

    ma dovrebbero sparare a te..... tieni i paesi più puliti e vedi come i lupi non tornano più cretino.....

  • Avatar anonimo di Fabrizio b
    Fabrizio b

    I politici sono sempre gli stessi per mascherare le ruberie che fanno distolgono l attenzione con paure infondate. Aprite gli occhi chi è il vero lupo

  • Avatar anonimo di davide
    davide

    le volpi vengono massacrate tutto l anno insieme ai cuccioli xche sono nocive,le gazze e le cornacchie sono nocive,le nutrie sono nocive,i storni sono nocivi,le piante e qualsiasi essere vivente ancora in vita è nocivo.Invece l uomo che taglia, abbatte, avvelena,modifica,deturpa e inquina in nome di non so cosa(soldi) no!!!!!! l ambiente,gli animali e la salute delle persone va data in gestione a persone che amano e che lottano x questi valori!!!! ps, applausi a quell idiota che a sancito la morte di mamma orsa assieme ai suoi cuccioli che moriranno a breve

  • grande Tosi !

  • Avatar anonimo di Giuliano
    Giuliano

    Tutti questi problemi dei lupi sono risolvibili.Maremmani x gli allevatori .Vietare la caccia nelle montagne cosi facendo nel periodo invernale troveranno da mangiare.Ma autorizzando la caccia in montagna esempio cinghiale caprioli ecc poi mettiamoci bracconaggio e altro e logico che i lupi scendano a valle x mangiare.Ricordiamoci che siamo noi i pericolosi non loro.......( Io tifo x i lupi)

    • Avatar anonimo di LUPO
      LUPO

      Quanta ignoranza. I cani non servono con le vacche in malga. I cinghiali sono l'ultima delle prede perchè tra le più difficili da prendere. Perchè i problemi sono quando si arriva a valle? Quando sono su dai montanari non è un problema?

    • Avatar anonimo di adriana
      adriana

      Bravo Giuliano La caccia umana attuale ha creato un grande squilibrio ambientale soprattutto a danno dei predatori privandoli del controllo del loro ambiente naturale in cui potersi procurare il cibo. La caccia e di fatto responsabile di una serie di squilibri e turbamenti mel comportamento di tutti gli animali poiche usa mezzi non ammessi in natura ed inaccettabili per la logica animale. Un sindaco cacciatore e poi un assurdo dal punto di vista dell ambiente. Non occorre essere animalisti per capirlo. Il Trentino insegna. Errori madornali anke dal punto di vista turistico a causa della caccia.

  • Per me andrebbe legalizzato l'abbattimento dei leghisti...vabbè che sono in estinzione, ma direi che il mondo ne può fare anche a meno.

  • Metteteli in una riserva

  • Avatar anonimo di simona perugini
    simona perugini

    E' un vero e proprio reato quello che ha commesso il sindaco prevista dall'art. 414 c.p.. si prepari che gli arriverà una bella denuncia!!!!

  • Avatar anonimo di donato marmorini
    donato marmorini

    Questo articolo è allucinante e le parole dei sindaco non hanno fondatezza e lo sa perfettamente. Il lupo è una specie tutelata a livello nazionale ed europeo. Un semplice sindaco non ha il potere di autorizzare le uccisioni. E' solo propaganda. Questa è istigazione a delinquere!

    • E se lupo x, gioca con il bambino ? Tosi si ricordi che la carne umana fa schifo, ora lupo prefersice frutti e roba sana, Tosi tosi le pecore, per l'inverno !

    • Avatar anonimo di dario
      dario

      a tutti i ben pensanti e di facili ipocrisie ,favorevoli ai lupi, chi di voi se al mattino trova la propria abitazione svaligiata pensa poverini chi ha fatto questo aveva fame sono contento e' giusto cosi'.questo e' quello che accade agli allevatori(NB io non lo sono)quando trovano al mattino le proprie bestie ,che rispettano ,accudiscono e conoscono una ad una per nome e per carattere, sbranate brutalmente con una morte orribile. Nessuno vuole la morte dei lupi ma ci sono sicuramente luoghi piu' adatti dove possono vivere anche loro tranquilli

      • Avatar anonimo di LUPO
        LUPO

        bravo

        • Avatar anonimo di Verità è
          Verità è

          Ma non diciamo calzate. La maggior parte degli allevatori è gente che gli animali li usa solo per soldi, li ingrassano e poi li uccidono. Senza contare i casi in cui gli animali vengono anche maltrattati. Hanno numeri non nomi... Questa volta Tosi ha detto una cazzata che non appoggio assolutamente, vergognosa, ma d'altra parte lo è anche la mentalità del 99% dei patiti di caccia, che sparerebbero a qualsiasi cosa pur di sentirsi "forti". Per i bambini in quanto tali (oltre al fatto che é un problema inesistente, visto la natura schiva del lupo) dovrebbe esserci un accompagnatore (ma più per tutto il resto che c'è in giro che è il vero pericolo, non per gli animali). Gli allevatori poi subiscono perdite varie tra malattie, brutti parti ecc., se la bestia è risarcita da qualche fondo europeo che supporta il progetto non credo abbia problemi. Ricordatevi che l'uomo non è il padrone del mondo nonostante sia troppo ingordo, egoista ed arrogante per accorgersene.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Escursionista veronese muore dopo essere precipitato in un dirupo

  • Cronaca

    Maltempo eccezionale sul lago: appello a Zaia e ai ministeri da parte dei Comuni del Garda

  • Cronaca

    Tentato furto di profumi alla Coin: riconosciuto, il 38enne finisce in manette

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 24 al 26 maggio 2019

I più letti della settimana

  • I Ferragnez stupiscono ancora: Chiara Ferragni affitta l'intera struttura di Gardaland per il suo compleanno

  • Aereo precipita nell'Adige con 2 persone a bordo: salvate e portate in ospedale

  • Martedì al cinema con tre euro: ecco i film a disposizione questa settimana

  • Frontale tra auto: una si ribalta, l'altra finisce nel fossato. 5 persone coinvolte

  • Senza patente, 18enne scappa dalla Stradale: multa fino a 35 mila euro

  • Condannato per l'omicidio di sei donne, Gianfranco Stevanin ora sogna di sposarsi

Torna su
VeronaSera è in caricamento