Verona, Tosi nella bufera per un convegno: "Incita all'odio omofobo"

Il sindaco: "Il Comune ha patrocinato un evento delle associazioni omosessuali perché ognuno ha diritto di dire la propria opinione, così come abbiamo dato il patrocinio a un convegno che dice l'opposto". La replica: "Ritiri l'appoggio"

Il parlamentare di Sel, Alessandro Zan (a sinistra) e il sindaco Flavio Tosi

"Il Comune ha patrocinato un evento teatrale delle associazioni omosessuali perché ognuno ha diritto di dire la propria opinione, così come abbiamo dato il patrocinio a un convegno che dice esattamente l'opposto. Non capisco il problema". Torna sulla polemica Flavio Tosi, sindaco di Verona, ai microfoni della trasmissione "La Zanzara" su Radio 24, in merito al patrocinio dato dal sindaco al convegno "La teoria del gender, per l'uomo o contro l'uomo" del 21 settembre prossimo, nel quale saranno ospitati diversi interventi di personaggi dichiaratamente antigay.

Diversi professori che interverranno sostengono che i gay siano malati da curare, hanno osservano i conduttori, e Tosi: "Pensare che i gay siano malati è un'opinione legittima, non è reato. Fino a qualche hanno fa l'Oms, l'Organizzazione mondiale della Sanità, metteva l'omosessualità nella categoria delle malattie, voi pensate che all'Oms fossero tutti omofobi? Bisogna avere rispetto di tutte le opinioni. Non sono d'accordo, ma non posso aver il diritto di impedire che uno dica che l'omosessualità è una malattia".

"CONVEGNO OMOFOBO CON SOSTEGNO DI COMUNE E PROVINCIA"

Rincara poi la dose, Tosi: "Il Gay Pride? Chi lo organizza sbaglia perché è una carnevalata. E fare una carnevalata non aiuta. Ma se lo vogliono fare hanno tutto il diritto di farlo. Se l'Arcigay volesse fare un convegno in cui dicono che gli etero sono tutti malati gli diamo spazio, lo facciano pure. Non è mica un problema, è libertà di opinione". Ad attaccare la decisione di Comune e Provincia di appoggiare il convegno era stato più riprese il parlamentare padovano di Sel, Alessandro Zan, che non ha mancato di replicare al sindaco dopo le dichiarazioni a Radio 24: "Flavio Tosi dovrebbe sapere che l'omosessualità è una variante naturale del comportamento umano tanto quanto l'eterosessualità. Patrocinare un convegno come quello di Verona in cui si porteranno tesi che incitano alla discriminazione non è la stessa cosa che patrocinare un evento teatrale delle associazioni omosessuali come Tosi vuole far credere".

"INCITAMENTO ALL'OMOFOBIA" - "Viene da pensare che Tosi voglia incitare all'odio omofobo - aggiunge Zan -. L'omosessualità non è una malattia come stabilito non da un'opinione ma dall'Oms, visto che Tosi la tira in ballo. Cosa dobbiamo aspettarci che Tosi patrocini contemporaneamente un convegno sul genocidio nazista degli ebrei e uno organizzato dai negazionisti? Tosi non scherzi sulla pelle dei gay. Il patrocinio del Comune al convegno che si terrà a Verona va ritirato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento