Verona, banda di nomadi specializzati nei furti alle aziende: parenti e amici finiscono in carcere

Arrestati i capibanda tra la Bassa e il confine con il Rodigino: i carabinieri arrivano a loro attraverso il monitoraggio degli spostamenti ai caselli autostradali di tre province venete. Tre in galera, quattro denunciati

Beccati dopo le indagini nel Veneziano ma i loro colpi sono conosciuti in altre tre province del Veneto. Una banda di nomadi specializzata in furti nelle aziende, è stata sgominata dai carabinieri di Portogruaro (Venezia). Mercoledì mattina le manette sono scattate per tre persone e altre quattro sono state denunciate. La banda era composta da parenti e amici domiciliati tra le province di Padova, Verona e Rovigo. Arrestati coloro che sono ritenuti i capibanda, Maurizio Ahmetovic, 30enne, pregiudicato rintracciato a Castagnaro e già rinchiuso nel carcere di Montorio, e Antonhy Ahmetovic 22enne residente poco distante dalla località della Bassa, a Badia Polesine, e incarcerato a Rovigo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Sergio Ahmetovic il provvedimento di arresto è stato notificato in carcere dove si trova per scontare un'altra pena. Nei guai anche Kemal Ahmetovic 41enne di Badia Polesine, Emin Ahmetovic 24enne da Ceneselli (Rovigo) e Seterhen Bajric, 32enne senza fissa dimora sono stati denunciati, così come una 54enne di Noventa Padovana. La banda è accusata di aver rubato, tra il 6 e il 7 ottobre scorso, materiale plastico per un totale di 70mila euro a due ditte, la "Tekno press" e al Consorzio artigiano trasporto Friuli" di San Stino di Livenza e alla "Mariotti Annibale Srl" di Noventa di Piave, tutte nella provincia di Venezia. A procedere con gli arresti sono stati i carabinieri lagunari assieme ai colleghi di Legnago e Rovigo. Le indagini sono state condotte anche attraverso il rilevamento dei passaggi autostradali dei ladri nei caselli veneti e friulani. Preziosi i dettagli forniti anche dal posizionamento Gps dato che su alcuni mezzi esistevano le apparecchiature specifiche. I militari sono così risaliti alla banda che si spostava tra magazzini e cantieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento