Anche a Roncolevà, Verona ai Veronesi contro il "business dell'accoglienza"

Questa volta nessun corteo, ma un tavolino e un microfono per parlare a coloro che sono intervenuti alla manifestazione di protesta organizzata nella frazione di Trevenzuolo

(fonte foto: Facebook - Verona ai Veronesi)

Questa volta nessun corteo, nessuna fiaccolata per le vie del paese. Un tavolino con un microfono sistemati nel parcheggio vicino alla struttura di Roncolevà, a Trevenzuolo, che ospita un gruppo di richiedenti asilo.

Cambia la forma, ma non la sostanza della protesta di Verona ai Veronesi, contro quello che definisce il "business dell'accoglienza". A prendere in mano il microfono e a parlare a tutti i partecipanti è stato il portavoce di Verona ai Veronesi Alessandro Rancani. Con lui ha parlato anche il sindaco di Trevenzuolo Roberto Gazzani.

Ed erano presenti anche altri sindaci a testimoniare la loro solidarietà come Gianni Testi di Pastrengo o Stefano Canazza di Isola della Scala.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Vivevano alle spalle della coppia e facevano prostituire la donna: arrestati

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Braccato dai carabinieri per il tentato omicidio della fidanzata, si dà fuoco

Torna su
VeronaSera è in caricamento