Anche a Roncolevà, Verona ai Veronesi contro il "business dell'accoglienza"

Questa volta nessun corteo, ma un tavolino e un microfono per parlare a coloro che sono intervenuti alla manifestazione di protesta organizzata nella frazione di Trevenzuolo

(fonte foto: Facebook - Verona ai Veronesi)

Questa volta nessun corteo, nessuna fiaccolata per le vie del paese. Un tavolino con un microfono sistemati nel parcheggio vicino alla struttura di Roncolevà, a Trevenzuolo, che ospita un gruppo di richiedenti asilo.

Cambia la forma, ma non la sostanza della protesta di Verona ai Veronesi, contro quello che definisce il "business dell'accoglienza". A prendere in mano il microfono e a parlare a tutti i partecipanti è stato il portavoce di Verona ai Veronesi Alessandro Rancani. Con lui ha parlato anche il sindaco di Trevenzuolo Roberto Gazzani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed erano presenti anche altri sindaci a testimoniare la loro solidarietà come Gianni Testi di Pastrengo o Stefano Canazza di Isola della Scala.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

Torna su
VeronaSera è in caricamento