Sorpreso a vendere droga sui bastioni agli studenti: rischia l'espulsione

Gli agenti della polizia municipale di Verona lo hanno arrestato in circonvallazione Maroncelli nella mattinata di mercoledì, mentre cedeva della marijuana a tre ragazzi che sono immediatamente scappati

Immagine di repertorio

Arrestato martedì mentre vendeva droga sui bastioni agli studenti, potrebbe essere trasferito in uno dei Centri di permanenza per il rimpatrio di Bari o Brindisi. Sarebbe la seconda espulsione di un cittadino irregolare dal territorio comunale in meno di una settimana.

La Procura ha infatti condannato a 5 mesi e 10 giorni e autorizzato all’espulsione il 27enne pakistano senza permesso di soggiorno arrestato nel pomeriggio del 15 ottobre dagli agenti del Nucleo Operativo della Polizia Giudiziaria della polizia municipale sui bastioni di circonvallazione Maroncelli, mentre spacciava marijuana a tre studenti che si sono dileguati all'arrivo degli agenti.

Lo straniero è stato trovato in possesso di 30 grammi di sostanza e della somma di 250 euro, di cui non ha però fornito la provenienza, mentre altre 12 persone sono state identificate nell’intervento.

È l’ennesima operazione effettuata dalla task force di dieci agenti scelti della polizia municipale e dedicata esclusivamente al controllo del territorio, che da settembre è attiva 24 ore su 24 per contrastare la microcriminalità, a cominciare dallo spaccio di droga ai danni di giovani e studenti.

L’arresto di martedì, in particolare, è il frutto di molte ore di lavoro sul posto, con gli agenti in borghese dediti a monitorare l’area, osservare i soggetti che frequentano i bastioni, gli spostamenti, le frequentazioni. Fino ad individuare i possibili assuntori ed intervenire in flagranza di reato. Non a caso il pakistano era già stato fermato qualche giorno fa, il 3 ottobre, ma la scarsa quantità di droga che aveva con sé per uso personale non ne ha permesso l’arresto.

I dettagli della nuova operazione sono stati illustrati dall’assessore alla Sicurezza Daniele insieme al dirigente del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia municipale Massimo Pennella. Presenti anche il presidente della commissione consiliare sicurezza Roberto Simeoni e il consigliere Nicolò Sesso.

Polato_con_spaccio-2

«Se oggi è una giornata fortunata, riusciamo ad espellere il secondo irregolare in meno di una settimana – afferma Polato -. E lo facciamo grazie ad un’attività che non si ferma mai, che abbiamo messo in piedi per colpire quelli che io chiamo i venditori di morte, perche spacciano droga a ragazzi giovanissimi, che vanno ancora a scuola. Combattiamo questo fenomeno senza sosta, controllando costantemente tutto il territorio comunale e in particolare le zone più sensibili. In poche settimane sono state decine gli arresti effettuati dagli agenti specializzati, alcune zone sono state completamente ripulite dagli spacciatori, come piazza Rosa e via Caroto. Sono gli stessi cittadini a segnalarcelo per mail, dicendo che finalmente le famiglie possono frequentare i giardini in tranquillità e sicurezza. Cosi come ci segnalano in tempo reale situazioni di criticità, su cui possiamo intervenire immediatamente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Fatture false per evadere l'Iva, sequestri per 74 milioni ad azienda veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento