menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Università, professoressa scrive un messaggio bizzarro sulla bacheca di Scienze

Nei tempi della comunicazione virtuale, delle mail e dei social network, ci sono ancora professori che mettono annunci per chiedere "a quello studente a cui non ho potuto dar retta di farsi vivo"

Nei tempi della comunicazione virtuale, delle mail e dei social network, ci sono ancora professori che mettono annunci per chiedere "a quello studente a cui non ho potuto dar retta di farsi vivo". Come se fosse una bacheca fuori dall'aula. Peccato che nell'era di internet 2.0 gli annunci i professori li pubblichino online.

Ecco il contenuto del curioso messaggio apparso sulla bacheca del sito della facoltà di scienze dell'università di Verona: "Lo studente che mi parlò in Via Da Polenta dopo che entrambi eravamo scesi dall'autobus 72 il 9 maggio u.s., e col quale non ebbi tempo di parlare, perchè dovevo affrettarmi per tener lezione, è invitato a farsi vivo per posta elettronica o a orario di ricevimento".

Che dire? Speriamo che lo studente si sia fatto vivo...

 

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • ..e questa è una notizia? XD

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Uomo trovato morto in auto con le vene dei polsi tagliate vicino all'aeroporto

  • Cronaca

    Spaccata nella notte in un negozio di moto: ladri in fuga con sette enduro

  • Cronaca

    Era accusato di truffa milionaria ai clienti, il bancario trovato morto in auto

  • Cronaca

    Pfas, via ai controlli sanitari: il veronese nella zona di "massima esposizione"

Torna su