Tasse, Verona è tra i capoluoghi di provincia dove la Tari pesa di meno

A rivelarlo è il servizio politiche territoriali della Uil che ha elaborato i costi della tassa sui rifiuti nel 2017. Meglio del capoluogo scaligero solo Pordenone

(foto di repertorio)

La città di Verona sul podio tra i capoluoghi di provincia italiani dove la Tari (tassa sui rifiuti) pesa di meno ai contribuenti. A rivelarlo è il servizio politiche territoriali della Uil che ha elaborato i costi della tassa per una famiglia italiana tipo, quindi composta da 4 famigliari, con un'Isee di quasi 18 mila euro e che vive in una casa di 80 metri quadrati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In media una famiglia italiana spenderà in questo 2017 circa 295 euro per la Tari, in calo rispetto ai 300 euro del 2016, ma con un aumento dell'1,1% rispetto al 2014, anno in cui è stata introdotto questa tassa. I cittadini che pagheranno di più sono quelli di Agrigento, Pisa, Benevento, Siracura e Salerno, dove in media la Tari supererà i 460 euro quest'anno. "Il podio per le città più economiche - ha dichiarato il segretario confederale Uil Guglielmo Loy ad Ansa -  spetta a Pordenone con 184,47 euro, Verona 188,82 e Bolzano 190,72".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

  • Covid-19, nuova impennata di casi a Verona, ma prosegue il calo dei ricoveri

Torna su
VeronaSera è in caricamento