Tre rumeni rubavano motori marini sul Garda

Bloccati dai carabinieri a Lazise. Il giro d'affari ammontava a 200mila euro

Tre rumeni rubavano motori marini sul Garda
Sgominata una banda di romeni specializzata nel furto di motori marini in varie località del lago di Garda. Il giro di affari ammontava a circa 200 mila euro.

Si tratta di tre rumeni, tutti con precedenti penali. Da tempo agivano nei comuni lombardi e veneti che si affacciano sul lago. I militari dell'Arma li tenevano d'occhio da molto tempo e hanno teso loro una trappola, aspettando che agissero. Sono riusciti a bloccarli con un 'carico' di motori a Lazise, mentre stavano entrando in autostrada. Dopo un tentativo di speronamento e un lungo inseguimento, i tre sono stati arrestati. Solo sulla sponda veronese del lago è stato denunciato, dall’inizio della stagione estiva, il furto di 63 motori marini; su quella bresciana di un’altra cinquantina.


In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento