Rubano pc e tablet da un'auto parcheggiata: scoperti da un carabiniere a riposo

I tre autori del furto sono stati sorpresi in flagranza e prontamente arrestati

Carabinieri in azione

Nella serata di ieri, giovedì 29 novembre, i militari della stazione di San Michele hanno arrestato in via Corsini tre persone che si erano rese responsabili del reato di furto aggravato in concorso. I tre arrestati, originari di Modena, Verona e Reggio Emilia, sono stati sorpresi in flagranza di reato da un carabiniere libero dal servizio. Il militare a riposo ha dunque avvertito immediatamente i colleghi, consentendo così ai carabinieri intervenuti di bloccare i tre che stavano rubando alcuni oggetti di valore da una Fiat panda.

In particolare, dopo aver forzato la portiera anteriore dell'auto, i tre ladri si erano illecitamente impossessati di un computer portatile ed un tablet, del valore complessivo di 1.500 euro, entrambi poi recuperati e restituiti al legittimo proprietario. Nella giornata di oggi i tre arrestati, di cui due pregiudicati, compariranno dinanzi al giudice per il rito direttissimo.

Dai domiciliari al carcere

Sempre ieri, questa volta nel corso del pomeriggio, i carabinieri della stazione di San Michele Extra hanno arrestato un cittadino 48enne originario della Serbia Montenegro, nullafacente e pregiudicato. L'arresto è stato compiuto in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Verona il 28 novembre.

L’uomo che già si trovava agli arresti domiciliari, dovrà ora espiare la pena detentiva di 3 anni e 10 mesi di reclusione per reati inerenti la detenzione di stupefacenti e falso. L’arrestato è stato così condotto presso la casa circondariale di Verona Montorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento