Traforo delle Torricelle, Technital chiede altro tempo. PD: "È tutto grottesco"

L'azienda che guida l'Ati concessionaria dei lavori chiede che si attendi la valutazione di Abertis, ora al timone della Serenissima. Ma per i contrari è una perdita di tempo

Per i contrari è l'ennesima perdita di tempo, perché con gli spagnoli di Abertis alla guida della Serenissima il project financing per il traforo delle Torricelle è arrivato al capolinea, non resta che riscuotere la fidejussione e chiudere il capitolo. Il concessionario dei lavori, l'Ati guidata da Technital invece deve crederci e ha chiesto un'ulteriore proroga fino alla fine dell'anno per l'ultimatum del sindaco scaduto da una settimana. "La giustificazione è la necessità di dare tempo ad Abertis di valutare la proposta di project financing - scrive il capogruppo PD Michele Bertucco - A sostegno della richiesta, attualmente al vaglio degli stessi uffici comunali che si erano già pronunciati per la chiusura del procedimento e l’escussione della fidejussione, il concessionario allega una generica lettera del direttore generale dell’A4 Holding che suona come un educato le faremo sapere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo al grottesco - incalza Bertucco - che cosa dovrebbero valutare gli spagnoli della Serenissima e che cosa si attende da loro il concessionario? I 54 milioni del ventilato contributo dell'autostrada non possono in ogni caso venire impiegati per ridurre i costi dell’infrastruttura principale. La speranza, poi, che arrivi il grande gruppo industriale a togliere le castagne del fuoco è semplicemente mal riposta: per essere chiari, se qualcuno vince un concorso, non può mandare poi a lavorare un altro, anche se magari è più bravo di lui. L’intento è palesemente dilatorio: i fatti dicono che l’opera è stata assegnata e affidata nel marzo 2013 al raggruppamento temporaneo di imprese che fa capo a Technital. Il progetto originario è stato giudicato non bancabile dagli istituti di credito. La proposta alternativa di traforo a due tempi è stata giudicata non rispondente ai termini del bando. In tutta questa faccenda la cosa più grave è che l’amministrazione continua a concedere sottobanco proroghe ad un procedimento che formalmente è nel limbo da più di tre anni e mezzo. E si rifiuta di ritirare il denaro della fidejussione versata a garanzia dell'impegno sottoscritto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento