Dopo la neve e il caos in A22 «il ritorno alla normalità», ma Toninelli vuole «un'ispezione»

Il concessionario autostradale, dopo il weekend di passione, rivendica il proprio operato per ripristinare la viabilità e si difende dagli attacchi: «Nessuna facoltà di fermare i mezzi non idonei, facendolo la Società commetterebbe un reato». Il ministro annuncia «un'ispezione»

L'A22 bloccata durante le fasi critiche della nevicata

Dopo i disagi sulla A22 del Brennero, il ministro Toninelli, secondo quanto riferito dall'Ansa, ha annunciato «un'ispezione» per verificare che il concessionario abbia garantito «adeguatamente» la sicurezza e il «ritorno a una gestione totalmente pubblica e più conveniente», visto che la concessione è scaduta e deve essere rinnovata. «Un'altra gaffe, - secondo l'esponente di Forza Italia Michaela Biancofiore - O il ministro non sa o finge di non sapere che la società è già pubblica, partecipata all'oltre 81% da enti pubblici».

Nel frattempo, polemiche politiche a parte, dopo il weekend di neve e passione sull'A22, la società Autostrada del Brennero ha annunciato in una nota ufficiale che «grazie all’immane sforzo di tutto il personale e delle ditte incaricate, il traffico lungo tutta l’arteria è stato progressivamente riportato alla normalità». La Società si è inoltre scusata con tutta l’utenza «per i gravi disagi che ha dovuto sopportare», ma ha inoltre ribadito «di aver fatto tutto quando in proprio potere per evitare i blocchi che si sono poi, purtroppo, verificati. Prova ne è il fatto che mai prima d’ora una nevicata ha messo in crisi la viabilità lungo l’autostrada del Brennero».

La società Autostrada del Brennero ha quindi voluto precisare quali siano state le condizioni in cui i disagi si sono prodotti e, soprattutto, quali fossero concretamente gli unici strumenti a sua disposizione per evitarli. «In 24 ore è caduta una quantità di neve che, di norma, cade in due mesi, - si legge ancora nella nota di Autostrada del Brennero - con accumuli repentini che hanno sfiorato il metro. In secondo luogo, non va dimenticato che alle 10:10 di sabato 2 febbraio, all’altezza del chilometro 5, si è staccata una valanga che ha invaso entrambe le carreggiate, prive di traffico solo grazie alle previdenti limitazioni precedentemente decise da Autostrada del Brennero. Questo - prosegue la note di Autostrada del Berennero - ha costretto a chiudere completamente l’autostrada nei due sensi di marcia rallentando enormemente gli interventi di recupero dei mezzi in panne. Solo la rapida pulizia delle carreggiate e il tempestivo sopralluogo in elicottero, condotto nonostante la nebbia, hanno permesso l’assunzione di una grave responsabilità, quella di riaprire la circolazione già alle 13:05 di sabato, per poter ricominciare nel più breve tempo possibile a rimuovere le code».

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

I blocchi alla circolazione sarebbero dunque, secondo la società Autostrada del Brennero, da attribuirsi ai conducenti dei veicoli che «ignorando scientemente l’ordinanza della Direzione tecnica generale che imponeva il divieto di transito ai veicoli sprovvisti di dotazione invernale, si sono ugualmente avventurati verso il passo del Brennero a 1.400 metri di quota durante l’intensa nevicata». A tali infrazioni, se ne sarebbero inoltre aggiunte molte altre da parte di «numerosissimi motociclisti che, - spiega ancora la nota di Autobrennero - pur di raggiungere un motoraduno in Baviera, hanno proseguito il viaggio sotto la nevicata divenendo protagonisti di numerose cadute con immediate ripercussioni sulla viabilità».

All'accusa principale mossa nelle ultime ore nei confronti della società Autostrada del Brennero, vale a dire che avrebbe dovuto controllare il rispetto dell’ordinanza e fermare i veicoli giudicati inidonei, lo stesso gruppo ha risposto in maniera netta e chiara: «Non è possibile, la normativa non consente a un concessionario autostradale di verificare la dotazione dei veicoli dei propri utenti e di interdire il transito a quelli giudicati inidonei. Facendolo, la Società commetterebbe un reato».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ruba alcolici al "Migross" nascondendoli nel passeggino del figlio: arrestato dai carabinieri

  • Politica

    Il ministro Salvini ospite in fiera: «Benefici superiori ai costi per la Tav Brescia-Verona»

  • Attualità

    Garda, la pasticceria I Dolci della Regina: «Chiusi per il decreto dignità»

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 22 al 24 febbraio 2019

I più letti della settimana

  • Tamponamenti a catena sulla A22: una vittima, mentre 35 sono i feriti

  • Amadou Càmara, storia di una morte indifferente nella città dell'amore

  • Il bidet si rompe e lo ferisce: trovato morto dissanguato nella sua casa

  • Storie di ordinaria follia: ordina su Internet un costume da bagno e riceve lingotti d'oro

  • Si è spento Giulio Brogi, attore veronese di cinema, teatro e televisione

  • Nuova allerta Pm10: a Verona, e non solo, torna il blocco per i diesel Euro 4

Torna su
VeronaSera è in caricamento