Tentato furto in un condominio: due ladri acciuffati da un poliziotto fuori servizio

Grazie a una provvidenziale intuizione da parte di un agente della Questura scaligera che in quel frangente non era nemmeno in servizio, due cittadini albanesi intenti a compiere un furto sono stati intercettati e bloccati nei pressi dei garage di un condominio a Verona

Proprio come per il caso delle due nomadi arrestate dalle Volanti mercoledì, anche stavolta siamo di fronte a una coppia di "pendolari del furto". Si tratta in questa circostanza di due cittadini albanesi residenti a Cassano d'Adda nel Milanese, entrambi fermati nella serata di ieri, giovedì 13 aprile, a Verona nei pressi di un condominio in via Monte Nero.

I due soggetti si stavano aggirando con fare sospetto a bordo di una vettura verso le ore 20.20, ma a notarne il comportamento insolito, lenta andatura e continui sguardi circospetti lanciati dal finestrino, è stato loro malgrado un agente della Questura scaligera che in quel momento si trovava peraltro fuori servizio.

L'agente delle Volanti, insospettito dalla presenza dei due, ha dunque deciso di seguirli a distanza per osservarne le mosse. Una scelta quantomai azzeccata: i due soggetti, infatti, poco tempo dopo sono scesi dalla loro vettura e si sono indirizzati verso il cancello aperto di un condominio, scendendo poi per la rampa che conduceva ai garage del palazzo.

A quel punto l'agente della Questura si è avvicinato fino a trovarsi dinanzi ai due cittadini albanesi. Interrogati sul motivo della loro presenza in quell'area non hanno saputo fornire spiegazioni e, anzi, uno di loro, mentre il complice intratteneva una discussione provando a giustificarsi con motivazioni tutt'altro che verosimili, ha cercato di allontanarsi leggermente per potersi disfare surrettiziamente di un paio di guanti e di un cacciavite.

Il poliziotto intervenuto ha pertanto deciso di contattare i colleghi delle Volanti in servizio, i quali non appena giunti sul posto hanno provveduto ad arrestare i due soggetti con l'accusa di tentato furto in concorso. Nella giornata di oggi è arrivata la convalida dinanzi al Giudice Prota, con il rinvio dell'udienza per richiesta termine a difesa al 28 aprile. Nel frattempo i due cittadini albanesi sono stati rimessi in libertà, mentre è senz'altro da sottolineare la solerzia da parte del personale di polizia che in questo caso ha saputo svolgere un adeguato intervento di prevenzione dell'attività criminale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento